Obiettivo scudetto, chi vincerà il tricolore?

284
Scudetto

Scudetto

Il campionato è ancora lungo con parecchi punti a disposizione ma in molti già guardano a maggio, quando verrà assegnato lo scudetto che chiuderà la stagione 2014-2015. Anche quest’anno è duello acceso tra Juventus e Roma, le due squadre che nella scorsa stagione si sfidarono per gran parte della stagione, fino a quando la squadra di Garcia non si rese conto dell’impossibilità di agguantare i rivali bianconeri, tirando i remi in barca, finendo a 17 punti di distacco che però non resero giustizia ad un duello che tenne vivo il campionato per buona parte del calendario.

Sta risalendo il Napoli, ma appare lontano dalle due di cui sopra, sia per continuità che per rosa a disposizione di mister Benitez. Lontane, lontanissime le milanesi, da troppo tempo assenti ingiustificate all’appello dei grandi club, relegate ad una sorta di limbo calcistico dal quale con difficoltà stentano a venire fuori, con i rossoneri che cercano gloria seguendo Pippo Inzaghi e con i nerazzurri che s’aggrappano al ritorno di Roberto Mancini.

Le altre osservano, o meglio non hanno ambizioni tricolori, e pensano ad un buon piazzamento in Europa. Ed i bookmakers si scatenano: Juve favorita, Roma lì ad un passo. Un primo step importante per vedere di solito chi potrà festeggiare a fine anno è il termine del girone d’andata, quando la prima classificata si laurea “campione d’inverno”, un titolo senza importanza ufficiale che però può far comprendere meglio la forza di chi viaggia nelle zone alte. In una buona percentuale di casi nella storia del nostro campionato, quasi il 70%, chi guida il gruppo al giro di boa finisce anche con il trionfo di fine anno.

Per quanto riguarda gli scontri diretti delle duellanti di quest’anno, prendendo almeno spunto dagli ultimi tre campionati in cui la Juve ha vinto, c’è un netto sbilanciamento a favore dei bianconeri che in casa hanno sempre vinto (4-0, 4-1, 3-0), perdendo soltanto una volta all’Olimpico (vittoria della Roma con una bordata di Totti). In questa stagione il match è già andato in scena, in quel 3-2 che gettò benzina sul fuoco in una rivalità già accesissima, che fece imbufalire l’ambiente giallorosso e risentire quello della Vecchia Signora. Una cosa è certa, o quasi: il duello per il tricolore sarà combattuto sull’asse Roma-Torino, a meno di clamorosi scivoli dell’una o dell’altra squadra a favore di una outsider pronta ad inserirsi, scenario tuttavia poco probabile al momento.

Articolo precedenteDerby della Madonnina, i numeri dicono che…
Prossimo articoloAgnelli: “Giusto perdonare Moggi”