Roma in ritiro a Trigoria, Garcia sulla graticola

178

Garcia

La Roma non sa più vincere. La squadra di Garcia non riesce più a mostrare quella brillantezza offensiva che tanto aveva fatto sognare i tifosi giallorossi, almeno fino alla debacle di Barcellona; e pensare che tra gli obiettivi stagionali della società capitolina figurava proprio il trionfo nella Coppa Nazionale.
Sul banco degli imputati è presente soprattutto il tecnico Garcia, che nelle partite più importanti ha sempre fallito e non è mai riuscito a rialzarsi.

La Roma, nella stagione precedente, aveva iniziato ottimamente in campionato, mostrando grandi capacità difensive e uno spiccato cinismo in fase realizzativa; tuttavia, in Champions League tali certezze vennero meno contro il Bayern Monaco, che si impose per 7 reti a 1 all’Olimpico. La squadra bavarese fece venire a galla tutti i problemi e le incertezze che fino ad allora sembravano non esistere. Dopo il disastro in Champions la squadra incominciò a trovare difficoltà anche in campionato, riuscendo a rialzarsi, soprattutto dal punto di vista psicologico, solamente a partire dal mese di febbraio, terminando il campionato al secondo posto in classifica, seppur con qualche brivido nel finale di stagione ( nelle utlime 4 giornate di campionato la lotta per il terzo e secondo posto era ancora aperta con Lazio,Napoli e appunto Roma).

Garcia, con la qualificazione matematica alla Champions League, in estate ha potuto ottenere qualche ritocco in più in fase offensiva. Difatti nel mercato estivo sono giunti alle porte di Trigoria l’egiziano Salah e l’ormai ex genoano Iago Falque, che potevano garantire al tecnico francese più velocità sugli esterni. Garcia, inoltre, ha potuto abbracciare anche il francese Digne, ai margini nel Psg, e il giovane centrale Rudiger , dimostratosi ancora non all’altezza per un campionato difficile come la Serie A. Inizialmente le idee del tecnico francese sembravano funzionare, tanto che la Roma all’inizio di stagione sembrava una perfetta macchina da guerra, con un attacco veloce e intraprendente e un centrocampo formato dagli inamovibili Pjanic-De Rossi-Nainggolan che garantivano un mix di solidità e fantasia. Tutte le certezze di questa squadra, tuttavia, sono venute meno il 24 novembre, data che i tifosi giallorossi difficilmente dimenticheranno: Barcellona-Roma, sfida valevole per il girone E di Champions League.
In Spagna Garcia voleva proporre una squadra che agisse in ripartenza e potesse mettere in difficoltà i catalani, scelta, questa, completamente sbagliata. Il Barcellona non permetteva alla Roma di ripartire, bensì dal primo all’ultimo minuto ha cercato sempre di mantenere palla, sfiancando in questo modo i giallorossi. Risultato finale? 6-1 per il Barcellona.

Successivamente alla debacle di Champions, la Roma ha mostrato ampi limiti tecnici anche in campionato, totalizzando la miseria di due pareggi e una sconfitta, oltre all’eliminazione dalla Coppa Italia ai calci di rigore per mano dello Spezia (squadra che milita in Serie B e che occupa attualmente l’undicesimo posto in classifica).

La partita di domenica contro il Genoa rappresenta l’ultima spiaggia per il tecnico giallorosso, Rudi Garcia. In mancanza dei tre punti sarà inevitabile l’esonero: tra i papabili alla successione sono presenti i nomi dell’ex Luciano Spalletti (acclamato a gran voce dai tifosi giallorossi) e l’ex ct della Nazionale Marcello Lippi, quest’ultimo accostato più volte alla Lazio. Di oggi la decisione della società di mandare tutti in ritiro, giallorossi a lavoro a Trigoria fino alla sfida contro il Genoa. Squadra agli ordini di Garcia, per ora…

Articolo precedenteCoppa Italia: La Lazio supera l’Udinese in rimonta (2-1)
Prossimo articoloSamp, è notte fonda: il Milan sbanca Marassi (2-0)