Calciomercato Milan, 150 Milioni di euro per rifare la squadra

1018
Keita

Calciomercato Milan, in arrivo il tesoretto

Si terrà il 18 maggio la prossima assemblea dei soci del Milan, che ratificherà un aumento di capitale da 60 milioni di euro per coprire le perdite e darà delega al cda di procedere con un secondo, fino a 60 milioni di euro, in caso di eventuali nuove passività, e da qui prenderà le mosse il Calciomercato Milan edizione 2017-2018.
Nell’ordine del giorno dell’assemblea del club, la seconda dopo il passaggio di proprietà al cinese Li Yonghong, è prevista anche la ratifica dell’emissione di due bond, ossia prestiti obbligazionari garantiti, da 73 e 55 milioni di euro. Secondo quanto filtra, il piano industriale del Milan prevede uno stanziamento di 150 milioni di euro per il mercato.

Come investiranno il tesoretto Fassone e Mirabelli

Come recita il sito esperto in vicende Rossonere MilanNews citando la Gazzetta dello Sport di questa mattina “con l’acquisto del Milan, Yonghong Li, nuovo presidente milanista, ha ereditato una situazione piuttosto pesante per quel che riguarda il bilancio del club, che negli ultimi anni ha segnato perdite importanti“. Il bollettino del calciomercato Milan dice che, perso quasi sicuramente Fabregas, Kessiè e Pellegrini sono nomi caldi in mediana, che il sogno assoluto resta il ritorno di Aubameyang, lasciato scappare troppo in fretta dalla Primavera rossonera e che il grosso del bugdet verrà speso per l’attacco. Ma proviamo a fare i conti in tasca ai dirigenti rossoneri e vediamo come potrebbero essere investiti i milioni di euro messi a disposizione. Gli acquisti saranno 6.

Sei nomi per Montella e la Champions

Immaginiamo allora il Milan di Vincenzo Montella edizione 2017-2018. In porta al netto delle mosse di Raiola ci sarà Donnarumma che alla fine farà prevalere le ragioni del cuore (un incarico per il fratello) su quelle del portafogli. In difesa arriva in queste ore il primo colpo, un robusto centrale da affiancare a Romagnoli, si tratta di Musacchio del Villareal con il quale è già stato raggiunto un accordo sulla base di 18 milioni al sottomarino giallo e 4 anni di contratto al giocatore, sempre in difesa ci sarà un forte investimento sul terzino sinistro e il nome più caldo è quello di Ghoulam del Napoli, il giocatore rifiuta il rinnovo e il Milan è pronto a mettere sul piatto 15 milioni per il cartellino e 3 per il contratto.

Centrocampo nuovo di zecca

Passando al centrocampo da segnalare che sale con forza il nome di Kovacic del Real Madrid; nonostante il valore stimato di 25 milioni di euro la pista è percorribile perché a Montella piace molto, al Real non trova spazio e al croato un ritorno a Milano farebbe davvero piacere, a 22 milioni si chiude l’affare. Il gioco degli incroci con la Roma porterà a Milano almeno uno tra Kessie e Pellegrini,  Atangana spinge il suo assistito verso Milano ma Lorenzo Pellegrini è passato per le mani dei Montella ai tempi nelle giovanili Giallorosse. Vedremo

Il nuovo tridente

Fatti i conti della spesa resta una bella cifra da investire nel reparto avanzato al fine di costruire il nuovo tridente da consegnare a Montella. Il sogno, come detto, sarebbe Suso, vicinissimo al rinnovo con al fianco Aubameyang e Deulofeu ma con molta probabilità gli ultimi due si sfideranno nel prossimo Clasico, Aubameyang è promesso sposo del Real Madrid mentre il secondo tornerà al Barca.

I sostituti individuati non sono però da meno, il primo risponde al nome di Keita Balde sul quale in queste ore è piombata la Juventus ma che per Mirabelli è un vero e proprio pallino. Lotito lo cede di sicuro, Marotta lo prenderebbe più che volentieri ma per farlo prima dovrebbe cedere al Real un certo Paulo Dybala e allora con un bell’assegno da 35 milioni di euro il Milan si porterebbe a casa uno dei gioielli più puri della Serie A italiana. Si può fare. L’ultimo colpo è quello del bomber, per il quale, messi da parte i sogni, si punta forte su uno tra Kalinic e Dzeko con il secondo favorito dal fatto che, anziché sborsare 30 milioni cash, Fassone potrebbe portarlo a Milano in uno uno scambio con Bacca più conguaglio di circa 10 milioni. Resterebbe cosi anche spazio per operazioni di contorno che servirebbero a rafforzare una rosa che punta dritta alla Champions League.

Articolo precedenteIl Napoli a un punto dalla Roma, il pensiero di Marek Hamsik
Prossimo articoloRoma, il futuro è in divenire tra mercato ed allenatore
Giornalista Pubblicista, Romano del Quadraro, ma vivo in Umbria fra Spoleto e Terni. Social Media Manager per Lavoro, Giornalista per Passione. Sposato con Ilaria, 3 figli. Seguo il Calcio dal 1975 con ampie frequentazioni nel Basket (NBA, LBA, Rieti e Virtus Roma), nel Volley, nel Rugby, nella Formula 1 e nella MotoGP. Ho visto giocare dal vivo Totti, BrunoConti, Dibba, Scirea, Zoff, Gentile, Cabrini, Tardelli, Antognoni, PaoloRossi, Maradona, Platini, Baggio, Van Basten, Matthaeus, Cafu, Rummenigge, Falcao, Ronaldo, Lollo Bernardi, Ancelotti, Zidane, Del Piero, Pirlo, Buffon, Gardini, Batistuta, Larry Wright, Antonello Riva, Dino Meneghin, Pierluigi Marzorati, Tofoli, David Ancilotto, Roberto Brunamoniti, Domenico Zampolini, Bracci, Mike D'Antoni, Willie Sojourner, Kevin Garnett, Paul Pierce, Ray Allen e Papà Bryant. Dubito vedrò di meglio ma non si sa mai :-)