Spalletti: “Degli allenatori futuri non ce ne frega niente, testa solo al Chievo”

54
Chievo-Roma

Parla Spalletti alla vigilia di Chievo-Roma

Non vedo un rischio di calo di concentrazione per Chievo-Roma perchè i clivensi hanno fatto vedere durante il campionato di poter mettere in difficoltà le squadre forti, è un’entità chiara e precisa che gioca a grande velocità“. L’allenatore della Roma, Luciano Spalletti, presenta così la partita di domani contro il Chievo, match da vincere per i giallorossi per conservare il secondo posto.

Ci interessa solo questa partita -prosegue Spalletti in conferenza stampa- Dobbiamo difendere le verticalizzazioni del Chievo e bisogna attrezzarsi. Sono un avversario pericoloso, quando riconquistano palla sono una delle squadre migliori nelle verticalizzazioni, sono bravissimi nei rimbalzi, nelle seconde palle. Noi dobbiamo essere bravi a modificare le nostre qualità per andare poi a levargli qualche possibilità“. Il tecnico giallorosso non vuole sentir parlare di futuro e dribbla la domanda su un suo possibile approdo in nerazzurro: “Dei futuri allenatori di Inter o Roma non ce ne frega niente. Pensiamo solo al rombo del Chievo, il loro sistema di gioco“.

I cali di concentrazione

Spalletti risponde poi a una domanda sui cali della Roma in questa stagione: “Ci sta di perdere punti ogni tanto come è accaduto a Empoli e a Cagliari ma ad esempio abbiamo vinto in trasferta con Milan e Inter. In campionato abbiamo fatto numeri importanti, segno che la squadra è stata sempre sul pezzo e si è costruita la strada per l’obiettivo Champions. Le prossime due partite ci possono dare la felicità. Ogni tanto abbiamo lasciato per strada risultati che ci rendono tristi, questa partita può spazzare via la tristezza“.

Infine l’allenatore di Certaldo non si dice infastidito dai nomi che circolano per sostituirlo alla Roma: “Questa è una grande squadra ed è giusto che sia così. E’ corretto che la società parli con altri allenatori, se volessero prendere il mio posto mi fa piacere. Io devo essere più bravo per mantenerlo. Per andare al di là dell’ostacolo devo accettare la sfida“.