Road to Eurobasket: la nuova (vecchia) Grecia di Missas

24

Grecia, l’anno della consacrazione 

La Grecia è una nazionale molto emblematica. La nazionale ellenica è di sicuro tra le più talentuose della prossima rassegna europea; tuttavia, malgrado la qualità non sia mai mancata, la nazionale bianco-blu non centra un risultato importante dall’oro europeo del 2005 ( escludendo il bronzo del 2009). La squadra allora guidata da Spanoulis, Diamantidis e Zisis trionfò a Belgrado annientando la Germania di Nowitzki. Oggi le cose sono molto cambiate; il team ha nuovi leaders e quest’anno, dopo il quarto posto del 2015, potrebbe essere il momento giusto per consacrarsi.

Il ritorno di Missas e i convocati 

La Grecia alla vigilia di questo Eurobasket ha deciso di cambiare la guida tecnica; via Katsikaris, il 30 Giugno viene annunciato il ritorno di Kostas Missas. L’allenatore del Promitheas è un grande conoscitore del basket ellenico avendo praticamente speso la sua intera carriera, da giocatore ed allenatore, nella terra di Zeus. Inoltre Missas ha già allenato i greci nel quadriennio 2007-11. Il neo coach ha immediatamente diramato le convocazioni per l’europeo, questi i convocati in attesa dei tagli.

Giannis Antetokounmpo (Milwaukee Bucks); Thanasis Antetokounmpo ( Morabanc Andorra); Nick Calathes ( Panathinaikos); Nikos Pappas ( Panathinaikos); Giannis Bourousis (Panathinaikos); Vangelis Mantzaris ( Olympiakos); Dimitris Agravanis ( Olympiakos); Georgios Printezis ( Olympiakos); Ioannis Papapetrou ( Olympiakos); Kostas Papanikolaou ( Olympiakos); Giorgios Bogris (Olympiakos); Tyler Dorsey ( Atlanta Hawks); Zach Auguste (