Ciclismo, la nota dell’UCI: “La chiusura della stagione 2020 può slittare a novembre”

311
Coronavirus Ciclismo Giro Dolomiti

Ciclismo, UCI: “La stagione 2020 può chiudere a novembre”

Ciclismo UCI Stagione 2020 | Le gare di ciclismo su strada maschili e femminili slitteranno sicuramente fino alla fine di aprile ma la sospensione potrebbe allungarsi fino a novembre. Lo ha deciso oggi l’Uci, l’Union Cycliste Internationale la Federciclismo mondiale, che in una nota dà conto della riunione con le associazioni ci squadre, organizzatori e ciclisti. “Nessun evento sul calendario stradale internazionale dell’Uci si terrà fino a nuovo avviso, ma almeno fino alla fine di aprile”, si legge. “In vista della ripresa della stagione ciclistica – specifica poi l’Uci -, verrà data priorità agli eventi in calendario alla data della ripresa; per quanto riguarda il calendario maschile, a seconda dello spazio disponibile e tenendo conto della possibilità di sovrapposizioni, ai tre grandi giri e alle classiche del ciclismo”.

Ciclismo UCI Stagione 2020

La flessibilità delle date

“Con questa decisione – prosegue la nota -, il ciclismo desidera essere in grado di garantire la visibilità del nostro sport, che si troverà in competizione con altri importanti eventi sportivi internazionali, garantendo al contempo la migliore esposizione possibile per le gare più viste. Inoltre, l’Uci desidera chiarire che la stagione su strada per uomini e donne potrebbe essere prorogata fino al 1 novembre 2020. Il principio di flessibilità potrebbe essere previsto anche per il numero di ciclisti iscritti dai team durante gli eventi. Queste decisioni saranno sottoposte all’approvazione del Comitato di gestione dell’Uci e del Consiglio ciclistico professionale”. Infine, l‘Uci ha proposto “che le parti interessate del ciclismo si incontrino regolarmente per anticipare meglio la ripresa al momento opportuno. Per discipline diverse dalla strada, l’Uci farà un annuncio dettagliato in un secondo momento”.

Articolo precedenteCoronavirus Tennis, il Roland Garros scala a ottobre, trema Wimbledon: i dettagli
Prossimo articoloVolley mercato, Kubiak dice no a Modena: i dettagli della trattativa
Giornalista Pubblicista, Romano del Quadraro, ma vivo in Umbria fra Spoleto e Terni. Social Media Manager per Lavoro, Giornalista per Passione. Sposato con Ilaria, 3 figli. Seguo il Calcio dal 1975 con ampie frequentazioni nel Basket (NBA, LBA, Rieti e Virtus Roma), nel Volley, nel Rugby, nella Formula 1 e nella MotoGP. Ho visto giocare dal vivo Totti, BrunoConti, Dibba, Scirea, Zoff, Gentile, Cabrini, Tardelli, Antognoni, PaoloRossi, Maradona, Platini, Baggio, Van Basten, Matthaeus, Cafu, Rummenigge, Falcao, Ronaldo, Lollo Bernardi, Ancelotti, Zidane, Del Piero, Pirlo, Buffon, Gardini, Batistuta, Larry Wright, Antonello Riva, Dino Meneghin, Pierluigi Marzorati, Tofoli, David Ancilotto, Roberto Brunamoniti, Domenico Zampolini, Bracci, Mike D'Antoni, Willie Sojourner, Kevin Garnett, Paul Pierce, Ray Allen e Papà Bryant. Dubito vedrò di meglio ma non si sa mai :-)