Juventus, la presentazione ufficiale di Arthur

185
Calciomercato Juventus Arthur
ph: Fornelli

Il nuovo numero 5 è un giocatore juventino da maggio ormai, ma solo ora arrivano le sue prime parole in conferenza stampa

Arthur Melo arriva alla sua presentazione ufficiale, mostrandosi con grande entusiasmo per la nuova avventura in bianconero.”La Juve ha una storia unica, provo un entusiasmo incredibile. Darò il massimo. Ho il privilegio di giocare con grandi calciatorigiocare con Ronaldo è la realizzazione di un sogno. Il progetto mi ha convinto molto, è ambizioso – ha aggiunto – La Champions è una priorità, lavorerò con i compagni per raggiungere quell’ obiettivo e tanti altri. Ho pensato che venire a Torino potesse essere uno slancio per la mia carriera“.

Parlando della visione del suo nuovo mister, il brasiliano afferma: “Ancora non ho parlato nel dettaglio col mister. Lui ha giocato a calcio come pochi, si muoveva e giocava in un modo unico. Sento il privilegio di giocare per un allenatore del genere. In Brasile ho giocato in un modo diverso rispetto al Barcellona – ha continuato – Non so come giocherò nella Juve, ma posso giocare in tutte le posizioni a centrocampo e con diversi moduli. Non ci saranno problemi di alcun tipo. La Juve ha investito tanto per me e ho grande entusiasmo e voglia di onorare gli impegni presi. La Serie A penso abbia più contatto fisico; è sicuramente un grande campionato, sarà una stagione difficile ma la Juventus è una grande squadra. Ci saranno tante lotte e non vediamo l’ora di iniziare“.

Infine alla domanda sul futuro di Suarez, Arthur risponde: “Suarez alla Juve? Non ho parlato con lui, non so la sua situazione, quindi credo che i dirigenti possano rispondere con più dettagli. È un grande giocatore, se dovessi avere la possibilità di giocare con lui sicuramente darebbe un grande valore aggiunto alla squadra“.

Articolo precedenteTour de France, quinta tappa: scatenato Van Aert in volata. Maglia gialla a Yates
Prossimo articoloJuventus, inoltrata la richiesta per poter disputare le partite in casa a porte aperte