Calciomercato Inter, rinforzo super per la fascia

L'esterno tedesco piace a diversi club: Inter in primis.

220
Gosens
Robin Gosens ph: Fornelli/Keypress

Dopo essersi iscritto ufficialmente anche quest’anno al club dei marcatori della serie a 2021/2022, l’obiettivo ora è quello di dare continuità (in termini di prestazioni e gol) per garantire un’altra stagione da incorniciare, per lui e la sua squadra, l’Atalanta.

Stiamo parlando di Robin Gosens, l’esterno tedesco ha infatti messo a segno la sua prima rete (dopo le 11 della scorsa stagione) proprio ieri sera contro il Sassuolo, chiudendo nel migliore dei modi un’azione corale della Dea.

A suon di ottime prestazioni , l’esterno classe ’94 ha attirato l’attenzione dei più grandi club europei, il grande Mondiale giocato con la maglia della Germania lo ha definitivamente consacrato, ed ora la squadra allenata da Giampiero Gasperini gongola sapendo di avere in rosa uno dei tornanti più importanti del panorama europeo.

Manchester city, Leicester, Juventus, Barcelona e Inter nelle scorse settimane avevano sondato il terreno per il tedesco, senza però riuscire a scalfire il muro eretto dalla società bergamasca: la Dea ha infatti attivato la clausola per il rinnovo del contratto di Robin fino al 2024, con un aumento sensibile dell’ingaggio che ad ora non tocca il milione di euro.

E se è vero che l’ex tecnico dell’Inter Antonio Conte avrebbe fatto carte false pur di portarlo alla Pinetina, anche Marotta e Ausilio hanno una grande considerazione per il talento tedesco, che nello scacchiere di Simone Inzaghi andrebbe a sostituire Ivan Perisic (il croato ha il contratto in scadenza a Luglio).

Più di 30 milioni di euro: questa è la valutazione dalla quale in nessun modo si potrà scendere fatta dal club dei Percassi, l’Inter è avvisata, nei prossimi giorni ci saranno altri colloqui tra le due dirigenze, per valutare se Gosens potrà trasferirsi da un nerazzurro all’altro.

Articolo precedenteValentino Rossi, le quattro ruote nel suo futuro. Berger: “Lui sarebbe interessato”
Prossimo articoloNBA, la decisione definitiva di Ben Simmons: ora che succede?