Mercato NBA: Rondo ai Cleveland Cavaliers, adesso Simmons?

110
Evan Mobley Cavs nba

Il playmaker texano è stato scambiato alla franchigia dell’Ohio, che potrebbe preparare nelle prossime settimane l’assalto al grande protagonista dei rumors di questi mesi.

La nona squadra NBA di Rajon Rondo saranno – con ogni probabilità – i Cleveland Cavaliers. Secondo quanto riportato dal noto analista Shams Charania durante la notte italiana, infatti, la franchigia dell’Ohio è vicinissima ad un accordo con i Los Angeles Lakers per portare sulle sponde del Lago Erie il prodotto dell’Università del Kentucky.

Rondo, veterano con oltre 15 stagioni NBA all’attivo, andrà quindi a prendere il posto in rotazione lasciato libero da Ricky Rubio, vittima di un terribile infortunio al legamento crociato che lo costringerà fuori dai campi almeno fino al termine della stagione. Non sono ancora noti i termini dell’accordo, ma, visto il contratto al minimo di Rajon e la sua totale inadeguatezza offensiva nel sistema-Lakers, è probabile che i Cavs cedano asset poco rilevanti.

Cleveland – grande rivelazione della prima parte di stagione – potrebbe tuttavia non fermarsi qui. Diversi media locali tanto dell’Ohio quanto di Philadelphia – oltre al solito Adrian Wojnarowski –  stanno infatti riportando con insistenza negli ultimi giorni la notizia secondo cui Ben Simmons, giocatore tra i più chiacchierati per la nota diatriba in corso tra lui e i Sixers, sarebbe nel mirino del general manager Koby Altman.

La trattativa, tuttavia, sembra essere decisamente in salita, con i Cavs che non vorrebbero cedere una fetta troppo rilevante del proprio folto gruppo di giovani promesse per prendere un giocatore fuori condizione e reduce da una così estenuante battaglia legale.

Per questo motivo, da qui alla trade deadline del 10 febbraio, Philadelphia tenterà di ottenere un accordo più favorevole con altre franchigie. Tra le pretendenti, secondo quanto riportato in queste ore da ESPN, potrebbero esserci anche i Portland Trail Blazers, desiderosi di dare una sterzata ad una stagione partita in maniera decisamente altalenante.

Se la questione-Irving sembra essersi risolta, con il rientro del giocatore alla corte di Steve Nash, la querelle-Simmons rimane quindi più aperta che mai; i Cavs sperano che la situazione rimanga in stallo almeno fino all’inizio del mese di febbraio, costringendo Daryl Morey, plenipotenziario di Philadelphia, a bussare nuovamente alla loro porta con un’offerta decisamente più conveniente.