ESCLUSIVA – Collovati: “Juve, che colpo Zaniolo! Mourinho pensi ad allenare. Napoli sarà ridimensionamento”

L'ex calciatore parla a 360' della serie A

264

L’ex calciatore di InterMilan e Roma, Fulvio Collovati, è intervenuto ai nostri microfoni  in esclusiva per parlare di mercato, del campionato che ricomincerà a breve e di Italia-Brasile del 1982, partita storica visto che oggi ne ricorre l’anniversario a distanza di 40 anni.

FACE TO FACE CON FULVIO COLLOVATI

Che ne pensa della situazione Dybala? Andrà all’Inter alla fine o secondo lei possono riaprirsi riaprirsi clamorosamente le piste Milan e Roma? 

Dybala penso si sia pentito di aver esagerato nelle richieste con la Juve . Qualcosa è cambiato e le società non hanno più fretta. Alla fine comunque si accaserà e penso andrà proprio all’Inter.”

 Pogba, di Maria e Zaniolo bastano alla Juventus per candidarsi allo lotta scudetto?

“Potrebbero bastare ma Allegri pensa che ci vuole una fase difensiva diversa da quella che hanno avuto i bianconeri nell’ultima stagione anche se potrebbe non bastare se il reparto difensivo rimarrà così com’è”.

Chi sarà la regina del mercato…e perché secondo lei il Napoli è in una fase di stallo?

“La regina sarà la Juve secondo me perché cambierà 5-6 titolari, credo per questo. Il Napoli si sta rifondando e questo significa ridimensionamento. Punterà su giocatori meno conosciuti ma non significa che non otterrà risultati”.

In questi giorni si parla del silenzio di Mourinho e delle presunte richieste sul mercato.. Lei si aspetta un grande colpo alla Isco per i giallorossi?

Mourinho deve fare l’allenatore, indicare quali giocatori vorrebbe anche se la campagna acquisti spetta poi alla proprietà e a Tiago Pinto”.

 Cederebbe Leao(si parla di Barcellona) in cambio di Asensio e De Ketelaere?

“No, anche se dipende poi dalle cifre, di fronte a 100 milioni di euro nessuno sarebbe incedibile. Oggi non ci sono grandi calciatori a quelle cifre visto che le cifre del mercato si sono gonfiate troppo. Maradona valeva 10 volte di più .. e non solo lui”.

 Che ne pensa della situazione Lazio? Dopo 4 colpi di mercato oggi si parla delle possibili dimissioni di Tare..

“C’è insoddisfazione che si percepisce e lavorare così con il freno a mano non è piacevole per un ds bravo come Tare”.

Oggi è l’anniversario di Italia-Brasile…che ricordi ha di quella partita?

“La partita che ci consacrò campioni del mondo , ci diede la consapevolezza che nessuno ci avrebbe più battuto. Ed è stato poi così. Una partita epica contro un Brasile storico”.

Articolo precedenteCalciomercato Juventus, Zaniolo ad un passo dai bianconeri: c’è l’accordo
Prossimo articoloCalciomercato Roma, Tiago Pinto ha deciso: ecco chi sarà il vice Abraham