Social Football Summit, Mancini rilancia: “Per tornare basta chiedere scusa”

Il ct torna sul mancato Mondiale

65
ROBERTO MANCINI PUNTA IL DITO IN ALTO ( FOTO DI SALVATORE FORNELLI )

Social Football Summit, il ct:” Basta chiedere scusa per tornare”

Il ct della Nazionale, Roberto Mancini, è stato intervistato nel corso dell’evento che si è svolto allo stadio Olimpico, il famoso Social Football Summit, da Matteo Marani dove ha parlato di social, futuro e obiettivi.

Come cambia la gestione dello spogliatoio nell’era dei social?

Ce ne siamo fatti una ragione. Bisogna fare attenzione e bisogna saperlo usare. I social sono una distrazione ma non possiamo farci nulla”.

Sei uno di quelli che si basa molto sui dati?

L’esperienza ti fa vedere cose dal campo che i dati non posso ottonere. Ma allo stesso tempo non si può farne a meno, ci aiutano e ci mettono in condizione di capire meglio l’avversario o lo studio di un calciatore”.

Come hai fatto a creare questo gruppo?

“Stiamo lavorando. I ragazzi sono stati bravi. Non mi passa il fatto che non siamo andati ai Mondiali. Le situazione vanno affrontate per come sono”.

In queste partite sono mancati giocatori importanti , come hai reagito?

“I ragazzi hanno messo tutto in un momento in cui la condizione non è il massimo. Hanno messo grande impegno, abbiamo cambiato un pò il sistema e nonostante le difficoltà sono stati bravi”.

Cosa c’è nel futuro della Nazionale?

“La Nazionale dà delusioni ma siamo anche tra i migliori al mondo , visto il palmares. Io credo che se riuscissimo a dare fiducia ai ragazzi più giovani qualcosa di buono accadrà”.

Sei più comprensivo come ct , rispetto al giocatore che eri?

“I ragazzi sbagliano, ma le porte della Nazionale sono sempre aperte, basta ritornare e chiedere scusa al gruppo”.

Cosa ti ha convinto a rimanere ? Qual è l’obiettivo?

“Non lo so, i ragazzi erano tutti molto positivi nei miei confronti e questo mi ha convinto a rimanere. Obiettivo? Vincere il Mondiale in America.”

 

Articolo precedenteCalciomercato Roma, pensiero neroverde per Pinto: pista ancora percorribile
Prossimo articoloCosenza-Como, probabili formazioni e dove vederla