Inter-Sampdoria (3-0), standing ovation per il “Drago” Stankovic: sorride invece Inzaghi

L'Inter vince ancora

83
NICOLO’ BARELLA ( FOTO DI SALVATORE FORNELLI )

Inter-Sampdoria, vincere e convincere

Nel pre-partita Asllani, neo acquisto nerazzurro, mostra la sua emozione:“Per me è un sogno affrontare Stankovic, è il mio idolo”. Andiamo al match. Nel primo tempo i nerazzurri tengono il possesso del pallino con un grande palleggio a centrocampo. L’Inter sembra essere maturata anche sul piano della calma, infatti, il pressing blucerchiato rallenta leggermente le giocate nerazzurre ma senza dare troppi pensieri ad Inzaghi. Allo scoccare del 20esimo minuto, De Vrij, con un terzo tempo strepitoso, colpisce di testa ed insacca alle spalle del portiere. Siamo al minuto 44 quando Bastoni granzie ad un lancio perfetto mette in porta Barella che non gli resta che calciare nello specchio della porta per il 2 a 0. Finisce la prima parte del match dove l’Inter sembra gestire molto bene il vantaggio e l’avversario. Inzia il secondo tempo ed i ragazzi di Inzaghi sembrano gestire il pallone cercando di risparmiare più energie possibili. Tante le occasioni create contro un Samp che ci mette il cuore ma sembra non bastare per dare un segnale. Al 73esimo, dopo un coast to coast personale, Correa gonfia la rete della Doria per la terza volta.  L’Inter ha concesso pochissimo su tutti i fronti portando a casa il match. Guadagna 3 punti fondamentali ai danni della classifica.

Risultato e Tabellino del match

INTER (3-5-2): Onana; Skriniar, de Vrij, Bastoni (68′ Acerbi); Dumfries (79′ Bellanova), Barella, Calhanoglu (83′ Asllani), Mkhitaryan, Dimarco; Lautaro Martinez (68′ Lukaku), Dzeko (68′ Correa). A disposizione: Handanovic, Cordaz, Gagliardini, Gosens, D’Ambrosio, Darmian. Allenatore: Inzaghi.

SAMPDORIA (4-2-3-1): Audero; Bereszynski, Ferrari, Colley, Amione; Yepes (46′ Vieira), Villar (52′ Verre); Leris, Gabbiadini (77′ Montevago), Djuricic (77′ Rincon); Caputo (66′ Pussetto). A disposizione: Contini, Augello, Sabiri, Conti, Murillo, Murru, Trimboli. Allenatore: Stankovic

ARBITRO: Massimi di Termoli. Assistenti: Galletto di Rovigo e Massara di Reggio Calabria. Quarto ufficiale: Cosso di Reggio Calabria. VAR: Nasca di Bari. AVAR: Paganessi di Bergamo.

AMMONITI: Yepes, Colley, Djuricic, Verre, Gabbiadini, Bastoni, Vieira.

Articolo precedenteLecce-Juventus 0-1: i Next Gen fanno rifiatare Allegri
Prossimo articoloEmpoli-Atalanta, probabili formazioni e dove vederla
Davide Parravano, redattore di SportPaper.it e di Komunicare Editore, esperto di calcio italiano ed estero