Al Friuli è spettacolo, Hernanes salva la Lazio. 2-3 all’Udinese in 10 uomini

52

hernanes

Si affontano Udinese e Lazio, partita che entra subito nel vivo, al 6’ minuto Maicousel entra in area di rigore venendo atterrato dal biancoceleste Cavanda. L’arbitro Rocchi non ha dubbi, e concede giustamente il calcio di rigore che sarà trasformato senza problemi da Totò Di Natale al 7’. La Lazio ora, costretta ad inseguire. Il primo quarto d’ora vede una Lazio con poche idee offensive, mentre i friulani gestiscono con buon equilibrio il centrocampo. La Lazio trova il coraggio con il passare dei minuti e pianifica l’attacco prima con Lulic, poi con Onazi ed infine con Floccari, ma la difesa dei friulani respinge gli attacchi. Sempre Floccari, trascinatore della Lazio, al 31’ sfiora il pareggio mancando l’appuntamento con il pallone, su cross effettuato da Candreva. Sul finire del primo tempo la partita entra nuovamente nel vivo: al 41’ da un calcio d’angolo battuto dai biancocelesti, scaturisce il contropiede dell’Udinese che con Maicousel tutto solo davanti a Berisha cerca il secondo palo, mancando il raddoppio di un soffio. Il primo tempo si chiude sul risultato di 1-0 per i padroni di casa, grazie al penalty realizzato da “capitan” Di Natale.

Il secondo tempo si apre all’insegna di una pericolosa azione dell’Udinese condotta da Di Natale, sventata prontamente dalla diagonale di Lulic. Al 53’ tegola in casa Lazio. La squadra di Reja rimane in dieci; Onazi dopo essere stato ammonito pochi minuti prima, colleziona il secondo cartellino giallo, venendo così espulso per aver commesso un fallo da dietro ai danni di Pereyra. A partire dai minuti successivi, il match si rende elettrizzante. Al 61’ la storia si ripete, ma al contrario. Klose viene atterrato in area di rigore da Brkic; l’arbitro Rocchi assegna il penalty, contestato dai bianconeri, realizzato da Candreva al 63’. La Lazio no si ferma più. Dopo tre minuti dal pareggio, sfiora il vantaggio. Autore dell’azione Ederson, il quale scocca un tiro a giro dal limite dell’area di rigore, che si spegne fuori per pochi centimetri. Preludio alla tempesta. L’azione successiva da parte dei padroni di casa però sarà fatale, infatti al 67’ su sponda di testa di Muriel, Badu stoppa elegantemente e batte a rete, trafiggendo Berisha. Friulani che passano nuovamente in vantaggio dopo un momentaneo black-out. La Lazio non si dà per vinta e cerca di reagire; al 73’ Ederson trova in area di rigore Klose lasciato completamente solo, ma il tedesco sbaglia al mira senza nemmeno prendere la porta e al 76’ con Hernanes che lascia partire un bolide che impensierisce Brkic che si salva in qualche modo. Al 81’ arriva il tanto atteso pareggio: dal cross del provvidenziale Ederson, l’estremo difensore bianconero esce per sventare il pericolo, ma il pallone respinto colpisce sfortunatamente Lazzari e va ad infilarsi in rete. Lo spettacolo non è finito, perché al 89’ quando la gara era destinata a concludersi verso il pareggio raggiunto, ecco che il fantasista Hernanes sfodera dal cilindro il jolly della vittoria: un tiro incredibile che va a trovare l’angolo alto della porta difesa da Brkic. Dopo il vantaggio, i quattro minuti concessi da Rocchi per il recupero, non servono a nulla. Finisce 2-3 per la squadra di Reja.