Benitez strizza l’occhio al Napoli: “Seguo ancora la squadra, non dico altro…”

148
Rafa Benitez
Rafa Benitez

Rafa Benitez strizza l’occhio al Napoli

L’ex tecnico di Inter e Napoli Rafa Benitez non esclude un ritorno in Campania. Il tecnico spagnolo apre al possibile ritorno, e ai microfoni di Onda Cero, non ha nascosto il suo affetto per i colori azzurri: “Ho un grande rapporto coi napoletani e seguo ancora la squadra, ma non tiratemi fuori dalla bocca parole che non voglio dire. Non mi esprimo oltre”. Benitez aggiunge: “Non ho nulla da dire su quanto sento in giro in questi giorni. Non mi esprimo anche se ammetto che ho sempre mantenuto un grandissimo rapporto sia con i napoletani che con la squadra di cui seguo sempre le gesta. Detto questo, però, non voglio che mi si mettano in bocca parole che non ho detto e che non voglio dire”.

Benitez il dopo Gattuso

Benitez pronto per un ritorno a Napoli, radiomercato da tempo affianca il nome del tecnico spagnolo agli azzurri, il rapporto con il patron De Laurentiis è di stima reciproca, con Gattuso in dubbio ipotizzare un ritorno di Benitez a Castel Volturno non è affatto da escludere.

I numeri di Rafa Benitez

È stato il quarto allenatore a vincere la Coppa UEFA/Europa League per due volte e il secondo a riuscirci con due squadre diverse dopo Giovanni Trapattoni. È inoltre l’unico allenatore ad aver vinto la Coppa UEFA e la Champions League in due stagioni consecutive con due squadre differenti. Ha costruito la sua fama come “re di coppe”: ha nel suo palmarès tredici titoli (5 internazionali), conquistati in tre paesi diversi (Spagna, Inghilterra e Italia) e alla guida di sei squadre (Valencia, Liverpool, Inter, Chelsea, Napoli e Newcastle). Benítez preferisce il modulo 4-2-3-1, con squadre corte, aggressive in pressing e capaci di sfruttare interamente l’ampiezza del campo in fase di possesso. Ha costruito la sua carriera nel tempo pianificando nei minimi dettagli il suo metodo di allenamento investendo principalmente su strumenti tecnologici sempre più evoluti per migliorare l’analisi della partita e la comunicazione con i propri giocatori.