Scintille in casa Ferrari, lite tra Leclerc e Binotto

La lite la causa del malore del pilota.

1200
Leclerc
Leclerc in conferenza stampa

Cosa è successo nel paddock tra Leclerc e Binotto

In casa Ferrari non tira una buona aria. Una violenta lite è avvenuta tra il pilota della Rossa Charles Leclerc e il team principal Mattia Binotto, nel paddock a Monza. Il rapporto tra i due sarebbe ormai deteriorato, generando un punto di rottura che difficilmente si potrà sanare. I testimoni hanno parlato di una brutta lite tra i due, che poi è sfociata nel malore per il giovane pilota dopo le FFP2: nausea e mal di testa che lo hanno costretto a recarsi al centro medico dell’impianto monzese per un controllo.

Cosa ha scatenato la rabbia di Leclerc?

Secondo i presenti il tutto sarebbe nato da alcune frecciatine velenose rivolte l’uno all’altro con i toni che si andavano via via alzando fino a quando Nicholas Todt, figlio del presidente della Fia Jean nonché manager di Leclerc, non è intervenuto a sedare gli animi e riportare la calma nel box Ferrari.

Non sarebbe il primo litigio della stagione tra il team principal e il pilota monegasco che sarebbero ormai ai ferri corti da alcuni mesi. Sembra che la causa di questo attrito sia in realtà il nuovo compagno di squadra. Secondo la testata specializzata F1Sport infatti il motivo della lite sarebbe la “promozione” di Carlos Sainz a punto di riferimento dello sviluppo tecnico in casa Ferrari perché considerato più affidabile di Leclerc, cosa che Charles ovviamente non avrebbe accettato di buon grado.