Bundesliga giornata 34: Werder ai playout. Muller nella storia

36
Coronavirus Bundesliga
foto wikicommons

Si pensava che il Werder Brema fosse ormai un cadavere destinato ad essere sepolto in Zweite Bundesliga (la serie b tedesca). Invece la squadra con più presenze di tutti in Bundesliga non ha alcuna intenzione di vivere l’incubo della retrocessione, testato soltanto una volta nella stagione 79-80. Attenzione però a celebrare già la salvezza perché il Werder dovrà meritarsi il massimo campionato tedesco attraverso altre due partite. Il play-out verrà giocato contro la terza della Zweite, che sarà ufficializzata domani al termine del campionato. Al momento, sarebbe l’Heidenheim, ma è ancora in corsa, a -1, l’Amburgo. Quest’ultima squadra darebbe vita ad un paio di match dal valore inestimabile, tra due club che sono retrocessi solo una volta nella loro storia e si sono impossessati di 10 campionati tedeschi. Oggi il Werder doveva vincere con più gol possibili. Lavoro completato con un imponente 6-1 sul Mainz. Il Fortuna Düsseldorf era in vantaggio di due punti, ma non ha pensato che fosse necessario vincere contro un già salvo Union, che ne ha approfittato per chiudere in bellezza la prima stagione in Bundesliga della sua storia. Negli annali entra in modo più che meritato anche Thomas Müller che con l’assist per Coman contro il Wolfsburg diventa il miglior assist-man in un’unica stagione di campionato tedesco con 21 ultimi passaggi superando il record precedente di Kevin De Bruyne. Grazie al prezioso lavoro del suo numero 25, il Bayern aveva già vinto il titolo e si qualifica, come sempre, per la prossima Champions. Vi parteciperà, dopo 4 anni di assenza, anche il Borussia Mönchengladbach che riesce a mantenere il quarto posto con il 2-1 sull’Hertha, nonostante l’assalto a distanza del Bayer Leverkusen. Si giocheranno la coppa dalle grandi orecchie pure Borussia Dortmund e Lipsia, mentre in Europa League vanno, oltre al Leverkusen, Hoffenheim e Wolfsburg.