Calciomercato, in chiusura arrivano i botti: Chiesa alla Juve e Smalling alla Roma

179
Calciomercato chiusura

Calciomercato in chiusura arrivano i botti

Calciomercato chiusura

A Firenze è già considerato un traditore, a Torino sperano di aver pescato un potenziale campione, la cui crescita si è un po’ arenata dopo l’esplosione di qualche anno fa. L’arrivo di Federico Chiesa alla Juventus sul ‘gong’ del calciomercato conferma l’inversione di tendenza per i campioni d’Italia in questa sessione di mercato. Un colpo che guarda al futuro, sulla scia degli innesti di McKennie e Kulusevski, e soprattutto un rinforzo ‘made in Italy’, aspetto che ultimamente alla Continassa avevano un po’ trascurato. I giovani italiani però si pagano a caro prezzo e il figlio d’arte cresciuto in riva all’Arno non rappresenta l’eccezione: un’operazione da 50 milioni di euro, un prestito con obbligo di riscatto mascherato da acquisto a titolo definitivo.

Formula acquisto Chiesa

La formula spalmata su due anni – prestito oneroso (10 milioni il primo anno e 7 il secondo) e riscatto nell’estate 2022 – ha permesso alla Vecchia Signora, in difficoltà come tutti i club per l’emergenza Covid-19, una operazione di questa portata. Anche perché la stessa Fiorentina si era ormai rassegnata negli ultimi giorni a far partire la propria stella. L’esterno azzurro stamattina ha momentaneamente lasciato il ritiro di Coverciano per sostenere a Firenze le visite mediche di rito. A Torino andrà a guadagnare 5 milioni di euro a stagione e cambierà obiettivi, con vista sullo scudetto e sulla Champions League. “Talento, velocità, classe e gioventù. Federico Chiesa è un nuovo giocatore bianconero. Classe 1997, arriva dalla Fiorentina e firma un contratto fino al 2022”, si legge sul sito biaconero.

Partenze Douglas Costa e De Sciglio

L’arrivo di Chiesa coincide con l’addio di Douglas Costa e De Sciglio, ceduti in prestito rispettivamente a Bayern Monaco e Olympique Lione. Con il risparmio degli ingaggi di due giocatori più esperti e navigati in un colpo solo la Vecchia Signora ha finanziato il prestito oneroso di Chiesa, abbassato il monte stipendi e svecchiato la rosa, due degli obiettivi perseguiti per tutta l’estate. L’addio di ‘Flash’ sicuramente toglie alla Juve un pizzico di classe e imprevedibilità utile soprattutto a gara in corso e in Europa, ma consente di inserire al suo posto un giocatore più adatto al sistema su cui sta lavorando Andrea Pirlo, quel 3-4-1-2 in cui gli esterni sono a tutta fascia e devono saper incidere sia in fase offensiva che in quella difensiva. Senza contare la tenuta fisica del brasiliano, che ha passato più tempo in infermeria che in campo negli ultimi due anni. Chiesa da questo punto di vista offre maggiori garanzie nonché margini di crescita inesplorati. A Pirlo adesso il compito di valorizzarlo. Per il bene della Juve e della Nazionale che tanto punta su di lui.

Belotti vicino al Tottenham

Belotti vogliamo rimanga al Torino a vita, ha dentro tutti i valori per essere il capitano e la colonna di questa squadra”. Lo ha detto Davide Vagnati, ds del Torino, ai microfoni di Sky alla chiusa del calciomercato. “C’è stata una chiacchierata con il Tottenham, ma Belotti è un giocatore importante e della Nazionale. Se avessero avuto intenzioni serie sarebbero arrivati con argomenti diversi”, ha aggiunto.

L’affaire Smalling

Il caso di questa sessione 2020 è sicuramente quello del passaggio di Chris Smalling dal Manchester Utd alla Roma. I due club hanno trovato in extremis un accordo per 15 milioni più bonus, ma al momento non risulta ancora depositato il contratto del difensore inglese nei terminali della Lega. Si attende l’ok della Federazione ai documenti in arrivo dall’Inghilterra. E’ possibile che per motivi burocratici, l’ufficialità arriverà con un po’ di ritardo. Smalling è comunque pronto a partire per l’Italia. Restando in casa Roma, è sfumato il ritorno dalla Cina di Stephan El Shaarawy mentre sono stati ceduti Justin Kluivert all’RB Lipsia e Diego Perotti al Fenerbahce.

Nainggolan e gli altri

Non si è sbloccata, invece, la trattativa per il ritorno di Radja Nainggolan al Cagliari. Niente accordo con l’Inter, il Ninja resta alle dipendenze di Antonio Conte che non avrà quindi N’Golò Kantè. Il tecnico nerazzurro si può consolare con l’arrivo di Matteo Darmian dal Parma, mentre è stato risolto il contratto con Kwadwo Asamoah. Lascia l’Inter anche Joao Mario, che dopo 4 anni torna allo Sporting Lisbona. Nelle ultime ore c’è stato un tentativo dell’Hertha Berlino per Eriksen, mentre sempre con il Parma non è andato in porto lo scambio tra Andrea Pinamonti e Gervinho. Restando a Milano, il Milan non è riuscito a portare a casa anche un difensore centrale, fino all’ultimo i rossoneri ci hanno provato per Kabak dello Schalke 04, per Rudiger del Chelsea. Ceduto, invece, Laxalt al Celtic. Ha rescisso il centrocampista croato Alen Halilovic. Il colpo di questo ultimo giorno di mercato lo ha piazzato l’Hellas Verona, che si è assicurato Nikola Kalinic dall’Atletico Madrid. Il Verona ha anche prelevato Federico Ceccherini dalla Fiorentina. A proposito della compagine viola, ceduto Federico Chiesa alla Juventus è arrivato lo svincolato Jose Callejon. I viola si sono assicurati anche il difensore argentino Lucas Martinez Quarta dal River Plate e l’esterno Antonio Barreca dal Monaco. Attivo anche il Napoli, che ha prelevato Tiemoue Bakayoko dal Chelsea. Il club azzurro ha invece ceduto Sebastiano Luperto al Crotone e Adam Ounas al Cagliari. Il Parma si è assicurata Valentin Mihaila dall’ Universitatea Craiova, Wylan Cyprien dal Nizza, Hans Nicolussi Caviglia dalla Juventus, il 26enne difensore venezuelano Yordan Hernando Osorio Paredes dal Porto e Maxime Busi, terzino destro preso a titolo definitivo dallo Charleroi. Ceduti Luca Siligardi al Crotone e Kastriot Dermaku al Lecce. E’ ufficiale l’arrivo al Sassuolo di Nicolas Schiappacasse. L’attaccante classe ’99 è stato acquisito a titolo definitivo dall’Atlético Madrid. Il club neroverde accoglie anche Maxime Lopez dall’Olympique Marsiglia. Per quanto riguarda le altre operazioni, triplo colpo dell’Udinese: torna dal Watford Ignacio Pussetto in prestito fino al 30 giugno 2021, sempre dalla squadra inglese (di proprietà della famiglia Pozzo) arriva l’attaccante spagnolo Gerard Deulofeu, mentre dal Nizza preso il centrocampista francese Jean-Victor Makengo. La Lazio ha depositato il contratto per il prestito del difensore Wesley Hoedt dal Southampton. Tre i colpi last minute anche del Torino: l’attaccante Federico Bonazzoli dalla Samp, Amer Gojak, centrocampista classe ’96 proveniente dalla Dinamo Zagabria e il centrocampista Ibrahim Karamoko dal Chievo. I granata hanno invece ceduto Koffi Djidji al Crotone. Dopo la cessione di Bonazzoli al Torino la Sampdoria ha provato senza esito per Fernando Llorente del Napoli. Restando in Liguria, il Genoa ha prelevato dal Bologna il difensore Mattia Bani. Il portiere Ivan Provedel è un nuovo giocatore dello Spezia, prelevato dall’Empoli. Ha invece lavorato in uscita l’Atalanta, che ha ceduto il giovane Amad Diallo Traoré, classe 2002, al Manchester United per la bellezza di 25 milioni più 15 di bonus. E a proposito dei Red Devils, chiusura con il botto con l’arrivo dello svincolato Edinson Cavani e dell’ex Inter Alex Telles dal Porto.

—>>> Leggi anche Calciomercato Juventus, arriva Chiesa dalla Fiorentina: UFFICIALE