Capello striglia Conte: “Va bene il pugno duro ma attento ai castighi”

133

Intransigente, una sola parola per descrivere mister Fabio Capello. O almeno è questo ciò che abbiamo pensato fin qui, il ct della Russia invece dopo la furia di Antonio Conte per il pareggio di Verona, ripresa dai giornali ieri, ammonisce il tecnico juventino: “Arrabbiarsi ci sta, specie in un momento della stagione importante, ma la tecnica del castigo o la minaccia di sostituzioni può essere un arma a doppio taglio. Antonio attento allo spogliatoio”.

Intanto i problemi per l’allenatore pugliese non finiscono mai perché dopo Barzagli si ferma anche Chiellini, per lui si teme uno stiramento. La difesa è da reinventare perché come dimostrato contro il Verona la Juve soffre sulle palle alte senza i due azzurri e Caceres e Ogbonna non son sembrati in gran forma nell’ultimo periodo. Note positive da Osvaldo che si candida già per una maglia da titolare, Llorente è avvisato.