Coronavirus Basket Datome a Rai Sport: “Taglio stipendi inevitabile”

148
Coronavirus Basket Datome

Coronavirus Basket Datome parla a Radio Rai

Coronavirus Basket Datome | “Penso ci dovranno essere delle sicurezze per poter pensare solo alla pallacanestro. Se supponiamo a luglio saremo nelle condizioni di poter giocare, di poterci allenare e di viaggiare, se le persone potranno venire a vederci nei palazzetti, allora potremmo riprendere a giocare, e lo vorremmo tutti. Se non ci saranno queste condizioni bisognerà pensare a come affrontare la prossima stagione, perché comunque la vita non sarà più la stessa e neppure lo sport”. Così Gigi Datome, capitano della Nazionale italiana di Basket e punto di forza del Fenerbahce campione d’Europa, intervistato a ‘Extratime’, su Radio1 Rai parlando del difficile momento che lo sport sta vivendo.

Coronavirus Basket Datome sul taglio degli stipendi

Il 32enne sardo, capitano della nazionale italiana di basket e punto di forza del Fenerbahce campione d’Europa, ai microfoni di Radio1 Rai si dice poi favorevole a un taglio degli stipendi: “Noi non ci stiamo più allenando e non stiamo più giocando, mentre i club hanno perso le entrate dai botteghini e dai diritti tv. Basta aprire gli occhi e vedere che cosa sta succedendo nel mondo per rendersi conto che lo sport non è l’unico settore che sta subendo un danno economico, e quindi un taglio agli stipendi è inevitabile. In che termini ancora non so, perché prima bisognerà capire se c’è una possibilità di andare avanti e poi affrontare il discorso, come è normale che sia”, ha aggiunto Datome. Ricordiamo che Gigi Datome è tornato in Europa nel 2015 dopo una breve ma intensa esperienza in NBA dove ha giocato con Detroit Pistons e Boston Celtics disputando 55 match e mettendo a segno 188 punti. Nel 2016-2017 ha vinto l’Eurolega.