Donnarumma a 360°: ”Napoli favorito per lo scudetto; parata su Khedira la più importante finora”

121

Donnarumma a 360° per Sportweek

Intervistato in esclusiva da Renzo Rosso, occasione del lancio del nuovo Sportweek, Gigio Donnarumma si racconta a 360°.

Quali sono le qualità più importanti che guardi in una persona?

‘’Rispetto, fiducia e simpatia. La mancanza di rispetto non riesco proprio a digerirla’’.

Hobbies?

‘’Sono un grande amante della playstation, mi piace però anche il tennis. Non amo molto i social’’.

Un consiglio importante che ti ha dato tuo padre, e il rapporto con la famiglia.

‘’L’umiltà. Sono io sempre a decidere se accettare o no ma lui da padre mi da tanti consigli. Mia mamma mi lascia più fare. Ho un grande rapporto con i miei fratelli, Antonio è andato via di casa molto presto quindi sono cresciuto molto con mia sorella con cui ho un rapporto straordinario. Lo stesso che ho con mio fratello perché quando tornava a casa era una festa. È molto bello allenarmi con lui, in allenamento scherziamo molto’’.

Ti vedresti senza calcio?

No, vivo di calcio. Se proprio non avessi fatto il portiere mi sarei visto attaccante. Da piccolo a fine allenamento mi mettevano in attacco, anche se ora non succede più. Se non avessi fatto il calciatore sarei stato uno studente’’.

Buffon è il più grande di tutti?

‘’E’ la storia del calcio. Per essere un campione bisogna esserlo anche fuori e lui è tutto. Lui mi dice di stare tranquillo anche nei momenti di difficoltà, di essere sempre umile e di non montarmi mai la testa che è la prima cosa per diventare grandi. Dietro lui Neuer, Courtois, De Gea. Io sono ancora sotto di loro’’.

Un attaccante che non vorresti mai trovarti di fornte?

‘’Messi e Cristiano Ronaldo. Il primo è un fenomeno ed è nato così, il secondo ha lavorato duramente per diventare il giocatore che è oggi’’.

Chi vince il campionato quest’anno?

‘’Penso il Napoli’’.

Partita e parata più importante?

Il derby 3-0 e la Supercoppa. Vincere dopo 17 anni la Supercoppa è qualcosa di incredibile. La parata contro l’Olanda con la maglia della Nazionale la più bella, la più decisiva quella contro la Juve su Khedira’’.