Esclusiva – Valtolina: “Il mio gol più bello di quello di Ronaldo. La Juve vincerà perchè…”

57

VALTOLINA COME RONALDO – In questi giorni si è parlato molto dell’Eurogol siglato nella sfida tra Real Madrid e Juventus da Cristiano Ronaldo. Nella mente degli appassionati tornano di moda altre reti d’autore ammirate negli ultimi anni, di questo e del momento del calcio italiano abbiamo parlato con Fabian Valtolina, ex centrocampista di Venezia, Piacenza e Sampdoria.

Come valuta il livello del calcio italiano? “Il livello del nostro calcio è completamente uguale al livello politico, bassissimo. Faccio questo confronto perche’ paghiamo i danni della politica, che nulla fa per stare sl passo con le altre nazioni, solamente 2 squadre hanno lo stadio di propietà, è vergognoso ormai”

Sarà settimo scudetto per la Juventus di Allegri? “La juve sara’ di nuovo campione perchè ha fatto rotare tutta la sua rosa anche senza infortuni e gestendo meglio sbaglia poche partite, mentre il Napoli invece il contrario, Sarri ha gestito malissimo la rosa…”

Più bello il suo gol contro la Roma o quello di Cristiano Ronaldo con la Juve? “Ovviamente il mio, il fatto che mi si paragoni a un mostro sacro del calcio fa piacere io non sono stato un campione come lui ma di sicuro il goal è diverso, il mio arrivava al 97esimo di un finale di partita diverso dalla competizione piu importante e piu seguita d’europa e diverso nella dinamica lui pronto ha il tempo di preparala e provare anche se si parla di velocita di pensiero a meno di un second, mentre nella mia c’è una spizzata di Murgita non perfetta perchè io taglio alle spalle sapendo che la palla la prendeva lui poi invece si è impennata avendola colpita male e il contromovimento che ho fatto per andare a colpire il pensare tutto forse in un millesimo di secondo con Stroppa che me la chiamava dietro e condiziona cio che volevo fare anche se poi il mio compagno era impazzito piu di me, ricordo nello spogliatoio il suo sorriso e la sua gioa piu della mia…”

Cosa occorre al campionato italiano per tornare competitivo? “Oltre aver perso il potere d’acquisto per ovvi motivi si son persi presidenti appassionati e direttori sportivi capaci oltre al non saper progettare a lungo termine e dare hai giovani il giusto tempo di crescita per diventare campioni, non tutti a 18 giocano in nazionale in più le scommesse regolarizzate anni fa dallo stato sono diventate un problema grosso ne parlano poco ma abbiamo gia visto in passato i fatti sopratutto nelle categorie piu basse che da quando avevano messo obbligo degli under ed è questo errore piu grosso perchè a 23 anni dopo aver giocato in lega pro smetti oppure anche prima”.