Eurovolley 2015: sfuma il sogno dell’Italia

81

volley
Finisce ai quarti di finale l’avventura dell’ Italia in questi Europei olandesi. Pur disputando un match di carattere e di sacrificio, alle azzurre è mancato quel pizzico di aggressività in piu. L’ esperienza della Russia campione in carica è venuta fuori alla distanza. Semifinali dunque per la compagine della nazione dell’ est, che si impone per 3-1 (30-28 20-25 25-23 25-20).

Italia che parte bene. Le ragazze di Bonitta sono attente e cattive. Le azzurre scavano un solco di 5 punti che però la Russia ricuce sul 15 pari. Il finale di set è al cardiopalma. Cristina Chirichella subisce un muro che porta le sovietiche avanti per 24-22. Un miracolo difensivo permette all’ Italia di andare ai vantaggi. Altri due set point annullati e prima opportunità per noi sul 27-26. La Guiggi salva su un pallonetto della Kosheleva, ma per l’ arbitro la palla già ha toccato terra. Svista clamorosa che segna il set. Muro della Russia e contrattacco vincente nel punto successivo per il 30-28 finale.

Nel secondo set le azzurre provano a reagire. Servizio e muro mettono in difficoltà le avversarie. L’ ingresso della Del Core fornisce stabilità in ricezione ed al primo time out tecnico l’ Italia è avanti per 8-5. La Diouf torna a macinare punti dopo una fase sonnolenta, Chirichella è praticamente impeccabile. Le azzurre scappano via, amministrando il risultato, pur soffrendo nelle fasi finali del set. La prima palla set è quella giusta, Valentina Diouf stampa un grande attacco. 25-20 ed un set pari.

L’ avvio di terzo parziale vede una Russia capace di scuotersi. La squadra detentrice del titolo vola via sul 4-1. Bonitta chiama time out e corre ai ripari. L’ Italia ci crede, va sotto anche di 5 punti ma inizia a mettere il cuore ed il carattere in ogni singolo punto. Dal 13-9 le ragazze che ci fecero sognare ai mondiali salgono in cattedra. Una Del Core perfetta in battuta da il la alla rimonta azzurra, che grazie a muro e difesa stampano un parziale da favola. Al time out tecnico è 16-15 Italia, dopo un bel punto di Lucia Bosetti. Dal 19 pari la Del Core detta legge, e confeziona due punti spettacolari che ci portano avanti. Le russe non mollano, il finale di set è emozionante. Sul 23 pari la Lo Bianco sbatte contro il muro avversario. De Gennaro sbaglia la ricezione, e la Russia passa a condurre 2-1.

Nel quarto set le azzurre rincorrono sin dall’ inizio. Fallendo piu’ volte l’ aggancio. La Russia mette il turbo salendo fino al 16-12. La squadra di Marco Bonitta sembra non crederci piu’, gli errori e le scelte errate iniziano a condizionare il parziale. Lottando, con l’ aiuto di una buona Nadia Centoni, le italiane accorciano portandosi addirittura ad un punto dalle russe, sul 20-19. Ancora i problemi in ricezione condannano l’ Italia, che sul 24-20 soccombe sotto il muro russo.

Davvero un peccato per il team azzurro, che saluta l’ Olanda senza gioie.