F1 Gp Austin: Lewis Hamilton conquista la pole position

128

Lewis Hamilton conquista la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Il pilota della Mercedes ha siglato il nuovo record della pista di Austin, girando in 1:32.237. Al suo fianco in prima fila scatterà la Ferrari di Kimi Raikkonen, staccato di soli 70 millesimi dall’ inglese. Seconda fila per la seconda Mercedes di Valtteri Bottas e per la Red Bull di Daniel Ricciardo. Sebastian Vettel, che ha ottenuto il 2° tempo a 61 millesimi da Hamilton, scatterà dalla terza fila, in 5. posizione. Il tedesco sconta così la penalità di 3 posizioni comminatagli dalla Direzione Gara per non aver rallentato durante una bandiera rossa nelle prove libere di ieri. Qualifiche da dimenticare per Max Verstappen. Il pilota della Red Bull ha danneggiato la sospensione posteriore destra transitando su un dissuasore di velocità al termine della Q1. Partirà solo 13°.

F1 GP AUSTIN, GRIGLIA DI PARTENZA

Fila 1: 1. L. Hamilton (Mercedes) 1:32.237/2. K. Raikkonen (Ferrari) +0”070

Fila 2: 3. V. Bottas (Mercedes) +0”379/4. D. Ricciardo (Red Bull-Renault) +1”257

Fila 3: 5. S. Vettel (Ferrari) +0”061*/6. E. Ocon (Force India-Mercedes) +1”908

Fila 4: 7. N. Hulkenberg (Renault) +1”978/8. R. Grosjean (Haas-Ferrari) +2”013

Fila 5: 9. C. Leclerc (Sauber-Ferrari) +2”183/10. S. Perez (Force India-Mercedes) +2”357

Fila 6: 11. C. Sainz (Renault)/12. K. Magnussen (Haas-Ferrari)

Fila 7: 13. M. Verstappen (Red Bull-Renault)/14. F. Alonso (Mclaren-Renault)

Fila 8: 15. S. Sirotkin (Williams-Mercedes)/16. L. Stroll (Williams-Mercedes)

Fila 9: 17. M. Ericsson (Sauber-Ferrari)/18. S. Vandoorne (Mclaren-Renault)

Fila 10: 19. P. Gasly (Toro Rosso-Honda)**/20. B. Hartley (Toro Rosso-Honda)**

*3 posizioni di penalità

**penalizzati per sostituzione power unit

Bandiera a scacchi. Hamilton realizza la pole in 1:32.237. Vettel ottiene il secondo tempo a 61 millesimi. Terzo Raikkonen a 70 millesimi. Bottas è quarto a 3 decimi. Seguono Ricciardo, Ocon, Hulkenberg, Grosjean, Leclerc e Perez.

-1:26: tutti i piloti stanno iniziando il loro giro veloce.

-3:32: tutte le vetture stanno rientrando in pista.

-5:15: tutti i piloti sono al box e stanno sostituendo gli pneumatici. Tra poco si rilanceranno tutti in pista per l’ ultimo tentativo.

-6:29: Ricciardo è 5° a 9 decimi da Hamilton. Seguono Grosjean, Hulkernberg, Ocon e Perez. Leclerc al momento non ha fatto segnare nessun tempo.

-7:50: Hamilton va al comando in 1:32.567. Vettel secondo a 88 millesimi, Bottas terzo a 1 decimo. Quarto Raikkonen a 4 decimi.

Iniziata la Q3.

Q3

Bandiera a scacchi. Raikkonen ottiene il miglior tempo della Q2 davanti a Vettel, Hamilton, Bottas e Ricciardo. Eliminati Sainz, Magnussen, Gasly e Hartley, oltre a Verstappen.

-2:33: Le Mercedes e Vettel scendono nuovamente in pista.

-5:06: Al momento tra gli eliminati, oltre a Verstappen, troviamo Sainz, Magnussen, Gasly e Hartley. I due piloti Toro Rosso non hanno fatto registrare tempi cronometrati per ora.

-6:18: La top 10 vede Raikkonen al comando, seguito da Vettel, Hamilton, Bottas, Ricciardo, Leclerc, Grosjean, Perez, Ocon e Hulkenberg.

-7:10: Hamilton migliora e si porta in 3. posizione, a mezzo secondo da Raikkonen.

-8:48: Hamilton si rilancia per un secondo giro veloce.

-10:44: Raikkonen al comando in 1:32.884. Vettel secondo a 1 decimo. Bottas a 8 decimi, Hamilton quarto a 1”1.

-11:02: Bottas primo in 1:33.792.

-13:31: Vettel con gomma supersoft, Raikkonen invece monta gomme ultrasoft.

-14:42: le Mercedes sono le prime a scendere in pista con gomma supersoft.

Iniziata la Q2.

Q2

Bandiera a scacchi. Hamilton è primo in 1:34.130. Seguono Bottas, le due Ferrari e le due Red Bull con Verstappen di fatto eliminato. Eliminati Alonso, Sirotkin, Stroll, Ericsson e Vandoorne.

-1:00: Verstappen scende dalla macchina. Il problema non è riparabile, le qualifiche dell’ olandese finiscono qui.

-3:20: al momento sono eliminati Alonso, Sirotkin, Ericsson, Vandoorne e Stroll.

-4:40: Ricciardo migliora il suo tempo e si porta in 5. posizione, a 6 decimi da Hamilton.

-5:20: problema alla sospensione posteriore destra per Max Verstappen, che rientra ai box molto lentamente.

-6:19: Grosjean si porta in sesta posizione, a 7 decimi da Hamilton. Il pilota della Haas si inserisce tra le due Red Bull.

-7:42: Hamilton è primo con 3 decimi su Bottas e Vettel. A mezzo secondo troviamo Raikkonen e Verstappen. Ricciardo è 6° a 7 decimi.

-8:45: Hamilton realizza il miglior tempo in 1:34.176, seguito a 3 decimi da Bottas.

-9:29: Verstappen 3°, a 1 decimo da Vettel.

-11:05: Max Verstappen inizia il suo primo giro veloce.

-12:40: Scendono in pista le Mercedes e le Red Bull.

-13:05: Vettel primo in in 1:34.569. Raikkonen secondo a 3 decimi. Tempo cancellato a Gasly per aver oltrepassato i limiti di pista.

-14:08: Pierre Gasly realizza il miglior tempo in 1:36.457, precedendo di 4 decimi Hartley.

-15:54: Scende in psita anche l’altra Rossa di Sebastian Vettel.

-16:50: Subito in pista anche la Ferrari di Raikkonen.

-17:46: Prima vettura a scendere in pista è la Toro Rosso di Brendon Hartley.

Iniziata la Q1.

Q1

Siamo a 10 minuti dall’ inizio delle qualifiche.

Mancano 30 minuti all’ inizio delle qualifiche. Cielo nuvoloso sopra il circuito di Austin, ma al momento non piove.

Amici di Sport Paper, buonasera e benvenuti alla diretta scritta testuale delle qualifiche del Gran Premio degli Stati Uniti. Si è appena chiusa la terza sessione di prove libere, disputata su pista asciutta. Le Ferrari si sono piazzate davanti a tutti. Sebastian Vettel ha realizzato il miglior tempo, girando in 1:33.797, staccando di 46 millesimi Kimi Raikkonen. Hamilton è terzo a 73 millesimi dal rivale per il titolo. Quarta la seconda Mercedes di Valtteri Bottas, a 7 decimi da Vettel. Seguono le due Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo, staccate rispettivamente di 9 decimi e di 1”1. La top 10 è chiusa da Leclerc, Perez, Sainz e Grosjean. Ricordiamo che le qualifiche avranno inizio alle 23 ora italiana.

Diciottesimo appuntamento stagionale per il Mondiale di F1 2018. Si disputa sul circuito di Austin il Gran Premio degli Stati Uniti. Una gara che offre a Lewis Hamilton il primo match-point per chiudere i giochi per il Campionato. Con 67 punti di margine su Sebastian Vettel, unico rivale per il titolo (331-264), al pilota Mercedes basterà vincere la gara con il ferrarista terzo o peggio. In caso di mancato successo, all’ inglese sarà comunque sufficiente guadagnare 9 punti sul tedesco per festeggiare il quinto titolo iridato della sua carriera.

IL CIRCUITO DI AUSTIN

Il circuito di Austin ospita il Gran Premio degli Stati Uniti dal 2012. Il tracciato misura 5,513 km, viene percorso in senso antiorario e presenta ben 20 curve. Una pista molto tecnica e completa. Il primo settore comprende un tornantino successivo al rettilineo dei box, seguito dal famoso “serpente”, una serie di pieghe decisamente impegnativa. Usciti da questo particolare tratto, si entra nel secondo settore che, dopo un secondo tornante, conduce al rettifilo più lungo del circuito, dove si raggiungono velocità molto elevate. L’ ultimo settore è molto tortuoso, con una serie di curve secche che conducono all’ ultimo allungo in piega. A quel punto mancano solo le ultime due curve di raccordo che riconducono sul traguardo. Su una pista del genere l’ aerodinamica e il bilanciamento della vettura ricoprono un ruolo fondamentale.

I RISULTATI DELLE LIBERE DI IERI

Nelle libere di ieri, disputate su pista bagnata, Lewis Hamilton non ha avuto rivali. Il pilota Mercedes ha dominato entrambe le sessioni, infliggendo pesanti distacchi a tutti gli avversari. Il pilota inglese si è dimostrato perfettamente a suo agio sotto la pioggia e questa è una notizia molto preoccupante per tutti gli avversari. Anche le qualifiche, infatti, dovrebbero disputarsi sotto l’ acqua. La sua migliore prestazione Hamilton l’ ha ottenuta nella FP1, dove ha fatto registra il tempo di 1:47.502. Valtteri Bottas, con la seconda Mercedes, si è beccato 1”3 dal compagno di squadra, ottenendo comunque il secondo tempo di giornata precedendo di un soffio la Red Bull di Max Verstappen. In quarta posizione con un ritardo di 1”8 troviamo la seconda Red Bull di Daniel Ricciardo. Le Ferrari sono apparse in difficoltà sul bagnato. Sebastian Vettel si è piazzato in 5. posizione a 1”9 dal rivale per il titolo. Kimi Raikkonen ha fatto registrare il 7. tempo di giornata, beccandosi 2”4 dalla Mercedes numero 44. Tra i due ferraristi si è inserita la Toro Rosso di Pierre Gasly, che ha ottenuto la sua migliore prestazione nella FP2, girando in 1:49.728

TRE POSIZIONI DI PENALITA’ PER VETTEL

Per Sebastian Vettel le qualifiche si presentano ancor più in salita. Il tedesco, durante una bandiera rossa esposta nel corso della FP1 per rimuovere la ghiaia portata in pista da un’ escursione della Sauber di Charles Leclerc, non ha rallentato a sufficienza nella fase di rientro ai box. La Direzione Gara ha deciso di punire questa infrazione al regolamento con una penalità di tre posizioni sulla griglia di partenza. Anche se riuscisse a ottenere la pole, Vettel non può ottenere un piazzamento migliore della quarta posizione per la partenza della gara di domani. Da segnalare anche che le due Toro Rosso di Pierre Gasly e Brendon Hartley partiranno dal fondo per la sostituzione di diverse specifiche della power unit Honda.

ph: Scali/komunicare