Fantacalcio, consigli 18esima giornata Serie A: top e flop undici

128
Torino Fiorentina risultato tabellino highlights
Andrea Belotti Ph: Fornelli/Keypress

La formazione ideale e quella de evitare categoricamente in vista della 18esima giornata di Serie A. Top e Flop undici a confronto

Penultimo turno prima del giro di boa. Una giornata caratterizzata da diversi scontri tra le grandi del campionato. Un fattore di non poco conto per i fantallenatori che dovranno ponderare anche questo aspetto prima di decidere chi schierare.

Ma senza dilungarci troppo, andiamo subito a scoprire quali sono le migliori opzioni per la 18esima giornata:

TOP UNDICI (4-4-2): Consigli, Mario Rui, Izzo, G.Ferrari, Gosens, Kessie, Zielinski, Milinkovic Savic, Duvan Zapata, Belotti.

In panchina o in alternativa a titolari potrebbero far comodo G.Donnarumma, Gollini, Audero, Hateboer, Smalling, Koulibaly, Muldur, Bremer, Pedro Pereira, Tuia, Augello, Veretout, Soriano, Linetty, Freuler, Locatelli, Damsgaard, Tonali, Calhanoglu, Immobile, Dzeko, Simy, Lapadula, Ilicic, Boga, Caputo, Cristiano Ronaldo, Orsolini, Barrow, Lukaku e Ibrahimovic.

La flop 11 della 18esima giornata di Serie A

Quali sono invece i calciatori su cui è meglio non fare affidamento? Alcuni potrebbero essere proprio quelli impegnati negli big match che si preannunciano equilibrati e avari di bonus utili per chi gioca al Fantacalcio.

Ecco quindi quale potrebbe essere la formazione meno soddisfacente e quindi da non schierare alla 18esima di campionato:

FLOP UNDICI (4-4-2): Perin, Masiello, Bonifazi, Ibanez, Igor, Lucas Leiva, Hetemaj, Brugman, Lerager, Ounas, Destro.

Altri profili che non sembrano adatti per questo turno sono Reina, Pau Lopez, Sepe, Dragowski, Radu, Mancini, Magnani, Tomiyasu, Chabot, Lyanco, Colley, Samir, Martinez Quarta, Golemic, Balogh, Bastoni, Frabotta, Lykogiannis, Sottil, Bentancur, Vidal, Villar, Agoume, Amrabat, Zanellato, Ionita, Sohm, Badelj, Kalinic, Farias, Nestorovski, Vlahovic, Cornelius e Morata.

Sia nella composizione dei flop che dei top il concetto applicato è quello dei possibili punti che possono portare. In molte circostanze non basta portare a casa le sufficienze, c’è bisogno di qualche bonus che possa spostare gli equilibri. Al contempo è importante collezionare meno malus possibili che a spesso sono determinanti per le sorti degli incontri.