Giro d’Italia, tappa 14: Ganna fa tripletta. Almeida sempre più rosa. Highlights

32

Giro d’Italia, la tappa di oggi

Bolide, è il nome della sua bici dorata e ormai il suo stile di vita. Filippo Ganna ha conquistato la sua terza tappa al primo Giro d’Italia in carriera. Ci è riuscito nella prova in cui è diventato imbattibile. La vittoria nella cronometro di oggi gli è valsa il primo posto e una bottiglia di prosecco, prodotto in quelle colline tra Conegliano e Valdobbiadene che oggi ha dominato in 42’40’’. Pure Rohan Dennis, bicampione del mondo della prova contro il tempo, è stato costretto a perdere 26’’. E l’australiano è molto forte a cronometro perché altrimenti avrebbe fatto la fine di tutto il resto del gruppo: un minuto o molto più di distacco da Filippo Ganna. Insomma, il piemontese oggi è stato il vincitore indiscusso, come del resto lo era stato a Palermo. C’è chi però sotto gli occhiali a specchio se la sta ridendo lo stesso. Joao Almeida è arrivato sesto lasciando per strada 1’31’’, ma ha consolidato in maniera molto convincente la sua maglia rosa. L’unico in grado di tenergli testa è stato Wilko Kelderman. Tutti gli altri corridori sono sopra i 2’11’’ di Pello Bilbao. Domani si parte con le tappe dure di salita e solo dei crolli verticali potranno impedire al portoghese e all’olandese di giocarsi il Giro d’Italia.

Giro d’Italia, la sintesi della tappa

Giro d’Italia, la tappa di domani

La tappa di domani arriva a Piancavallo, che non si chiama così per l’animale. Deriva dal celtico e significa semplicemente cima alta. 1280 metri effettivamente non è proprio un’altitudine da collina. Domani se ne accorgeranno bene i corridori, come già fatto da Marco Pantani nel 1998 e da Nairo Quintana nel 2017. I due vincitori degli altri arrivi del Giro lì in cima, il cui nome non c’entrerà nulla con l’animale, ma per arrivarci bisogna saper cavalcare proprio bene la bicicletta.