Gli Utah Jazz continuano a volare e agganciano il secondo posto ad Ovest

34

In una notte povera di gare NBA sono stati gli Utah Jazz a farla da padroni: forti della sesta vittoria consecutiva hanno infatti agganciato quota 10 vittorie stagionali, valide per la seconda posizione nella Western Conference.

Gli avversari erano i New Orleans Pelicans di Zion Williamson, e il risultato è stato un netto 102-118 mai in discussione dopo i primi due quarti di gioco. Mattatore il solito Donovan Mitchell, con 28 punti, 7 rimbalzi e 4 assist. Bene anche l’ormai fondamentale Jordan Clarkson, che segna 18 punti in uscita dalla panchina, così come Rudy Gobert, con una doppia doppia da 13 punti e 18 rimbalzi. Non brilla Mike Conley, che però è stato fin qui un fattore determinante per i suoi, con 16 punti, 4 rimbalzi e 6 assist di media stagionale.

Record di 10-4 che come detto proietta i Jazz alla seconda posizione ad Ovest, appaiati con i Los Angeles Clippers alle spalle dei cugini dei Lakers. Queste tre, inoltre, sono state anche le prime squadre in assoluto a raggiungere quota 10 vittorie in tutta la lega.

La squadra di Coach Quin Snyder, uscita solo pochi mesi fa al primo turno dei playoffs giocati nella bolla di Orlando, sta facendo forza sulla difesa e poi sulla fluidità del proprio gioco, come raccontato dal capo allenatore stesso: “Difendere ci aiuta a crearci i tiri e ci aiuta a rimanere in partita, soprattutto se gli avversari non fanno altrettanto. (…) Stiamo lavorando, in transizione o meno, per crearci i giusti spazi. Quando lo facciamo e muoviamo bene la palla allora otteniamo dei buoni tiri. Al momento li stiamo anche segnando, e speriamo di continuare così.”

Ora i Jazz sono attesi da una lunga serie di gare casalinghe, che durerà fino alla fine di gennaio, e che potrebbe aiutarli senza dubbio ad allunga la propria striscia positiva.