Il Napoli vince la Coppa Italia: Juventus sconfitta ai rigori

265
Calciomercato Napoli

Napoli-Juventus Tabellino Highlights

Il Napoli vince la sesta Coppa Italia della sua storia. Battuta la Juventus ai calci di rigore dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari. Successo meritato per la squadra di Gattuso, che vince il primo trofeo della sua carriera da allenatore. Un’affermazione sacrosanta soprattutto alla luce della crescita che la formazione partenopea ha palesato nella ripresa dopo un primo tempo un po’ sottotono.

Continua la maledizione per Sarri che deve rimandare ancora una volta l’appuntamento con la vittoria di una competizione nazionale. Anche stavolta la Vecchia Signora non riesce ad andare a segno, a testimonianza di una condizione non proprio brillante. Seconda finale consecutiva persa per i campioni d’Italia dopo quella contro la Lazio in Supercoppa Italiana.

LA PARTITAParte forte la Juventus che al 4′ sfrutta un retropassaggio sbagliato di Callejon: Dybala intercetta la sfera e la serve a Cristiano Ronaldo che tenta la conclusione. Bravo Meret a deviare il tiro dal limite dell’area del portoghese.

Il Napoli soffre la pressione dei bianconeri e fa fatica ad uscire palla al piede. Solo grazie ai suoi palleggiatori Demme e Fabian Ruiz riesce a riemergere e ad affacciarsi dalle parti di Buffon. Nonostante ciò non riesce ad incidere particolarmente e l’unico spunto degno di nota è un contatto in area di rigore tra Mario Rui ed Alex Sandro, ma Doveri lascia correre.

Il canovaccio tattico però è chiaro: la formazione di Sarri fa la partita e i partenopei attendono chiudendo ogni spazio. La conseguenza è il tentativo dalla lunga distanza di Bentancur, su cui il portiere azzurro non ha problemi.

Decisamente più pericolosa la compagine di Gattuso al 24′. La punizione di Insigne dai 25 metri si infrange sul palo, anche se Buffon sembrava essere sulla traiettoria. Ribatte la Juve con un contropiede orchestrato da Dybala, troppo lungo il passaggio per CR7 che si fa anticipare da Meret.

Sul finale di frazione il Napoli si infiamma e costruisce due ghiotte occasioni, prima con Demme che spara su Buffon da distanza ravvicinata e poi con Insigne che ci prova da fuori. Palla fuori di un soffio dopo una deviazione bianconera. Poco prima del duplice fischio Dybala si scontra in area con Mario Rui: giusto non dare il penalty. È l’argentino a cercare il contatto con il terzino ex Roma.

Al termine dei primi 45′ è 0-0. Un risultato che rispecchia ampiamente l’equilibrio in campo, Juventus più propositiva, ma il Napoli ha avuto le palle goal più pericolose.

Nella ripresa, complice anche la stanchezza i “ritmi” calano e nessuna delle due compagini riesce a costruire occasioni degne di nota nel primo quarto d’ora. Ci pensa Ruiz a rianimare il match, ma il suo sinistro dal limite si infrange sul fondo. Stessa sorte per il mancino a giro di Dybala pochi minuti dopo.

I tentativi dalla distanza diventano la soluzione migliore vista la forma deficitaria. Bonucci si unisce al club, ma il suo destro è abbastanza telefonato. Il neo entrato Politano prova ad emularlo con il suo piede preferito, Buffon para a terra.

Al 72′ chance colossale sui piedi di Milik, che dall’altezza del dischetto del rigore non riesce a centrare la porta. A dieci minuti dal termine ci riprova Politano, l’esterno colpisce di testa da ottima posizione senza trovare la giusta angolazione.

Prima del triplice fischio doppio miracolo di Buffon, prima su colpo di testa di Makismovic e poi su Elmas con la palla che dopo la deviazione del portiere juventino si infrange sul palo.

Napoli-Juventus: Tabellino Highlights:

Reti: sequenza rigori, Dybala parato, Insigne goal, Danilo fuori, Politano goal, Bonucci goal, Maksimovic goal, Ramsey goal, Milik goal.

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui (80′ Hysaj); Fabian Ruiz (80′ Allan), Demme, Zielinski (88′ Elmas); Callejon (65′ Lozano), Mertens (65′ Milik), Insigne. Allenatore: Gattuso. Non entrati:

Juventus (4-3-3): Buffon; Cuadrado (85′ Ramsey), Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic (74′ Bernardeschi), Matuidi; Dybala, Cristiano Ronaldo, Douglas Costa (64′ Danilo). Allenatore: Sarri. Non entrati:

Arbitro: Doveri
Ammoniti: Bonucci, Mario Rui, Dybala