Inter k.o. col Genoa (1-0), decide Antonelli

110

Palacio

Un gol su palla inattiva di Antonelli decide la gara tra Genoa e Inter, una partita condizionata dalla pioggia ma ricca di emozioni, con l’Inter che ha avuto tante occasioni da rete ma si ritrova con una amara sconfitta. La pioggia battente rende il terreno di gioco di Marassi molto complicato. Mazzarri punta sulla coppia d’attacco Milito-Palacio supportata da Ricky Alvarez, mentre il Genoa ha in Alberto Gilardino la propria boa d’attaco. Parte meglio l’Inter, che fa buon pressing sulla trequarti rossoblù e va più volte vicina al vantaggio nella prima mezzora. E’ Jonathan da destra a rendersi pericoloso con due inserimenti, ma prima prima Perin si oppone con un gran colpo di reni al suo tiro, quindi la conclusione dell’esterno brasiliano viene deviata in corner dall’intervento di Antonelli. Ma l’occasione forse più limpida capita sui piedi di Palacio: el Trenza ruba palla nella metà campo del Genoa, si invola verso la porta ma il suo tiro mancino scoccato da sinistra lambisce soltanto il palo. Poco dopo entra Kovacic al posto di Alvarez, costretto alla doccia anticipata da una botta al ginocchio, ma il Genoa nella seconda parte del primo tempo prende campo. Prima i rossoblù ci provano con un paio di conclusioni da fuori, quindi è Marchese ad avere la grande opportunità da due passi sugli sviluppi di un corner, ma Handanovic è molto bravo a chiudere lo specchio e a respingere il suo colpo di testa ravvicinato.

Dopo pochi secondi dall’inizio della ripresa un’altra grande occasione capita sui piedi di Palacio, ma l’argentino spara alto dal vertice sinistro dell’area piccola, mentre il Genoa si rende pericoloso con il solito Gilardino, il quale si invola bene verso Handanovic ma viene fermato dal terreno denso di acqua. L’Inter ci crede e continua a spingere: il neoentrato Guarin calcia bene da destra sugli sviluppi di un corner ma Perin salva e Milito non riesce a ribadire a rete, quindi lo stesso Milito da sinistra mette in mezzo un bel pallone che prima Cambiasso e poi Palacio non sfruttano a dovere. Dall’altra parte, invece, si mette in luce un ottimo Fetfatzidis, che fa gran movimento e impegna Handanovic, poi Juan Jesus è decisivo nella chiusura difensiva ancora su Gilardino. Ma all’83’ il Genoa passa in vantaggio: è Bertolacci a battere il corner da sinistra, sul quale Antonelli stacca al centro dell’area, solo, e insacca alle spalle di Handanovic. Mazzarri, a questo punto, getta nella mischia Ruben Botta al posto di Juan Jesus per tentare il tutto per tutto e allo scadere proprio il numero 20 uruguagio incorna bene su cross di Kovacic ma Perin si supera un’altra volta. E il triplice fischio finale di Rizzoli decreta la vittoria del Grifone, che non batteva l’Inter da ben vent’anni.