MotoGp Australia: Marc Marquez conquista la pole position

68

Marc Marquez ha conquistato la pole position del Gran Premio d’ Australia, classe MotoGp. Sul circuito di Phillip Island il pilota della Honda ha girato in 1:29.199. Al suo fianco in prima fila partiranno la Yamaha Movistar di Maverick Vinales e il suo compagno di marca del team Tech 3 Johann Zarco, staccati di 3 decimi e mezzo secondo dal neo Campione del Mondo. Seconda fila per le due Suzuki di Iannone e Rins e per la Ducati Pramac di Jack Miller. Terza fila tutta italiana. Valentino Rossi ha ottenuto il 7° tempo con la seconda Yamaha ufficiale, precedendo l’ altar Ducati Pramac di Danilo Petrucci e la prima Ducati ufficiale di Andrea Dovizioso. Quarta fila per l’ ottimo Hafiz Syarinh, con la seconda Yamaha Tech 3, Pol Espargaro con la KTM e Alvaro Bautista con la seconda Ducati ufficiale.

MOTOGP AUSTRALIA, GRIGLIA DI PARTENZA

Fila 1: 1. M. Marquez (Honda) 1:29.199/2. M. Vinales (Yamaha) +0”310/3. J. Zarco (Yamaha) +0”506

Fila 2: 4. A. Iannone (Suzuki) +0”513/5. A. Rins (Suzuki) +0”827/6. J. Miller (Ducati) +0”941

Fila 3: 7. V. Rossi (Yamaha) +1”071/8. D. Petrucci (Ducati) +1”129/9. A. Dovizioso (Ducati) +1”320

Fila 4: 10. H. Syarinh (Yamaha) +1”394/11. P. Espargaro (KTM) +1”441/12. A. Bautista (Ducati) +3”168

Fila 5: 13. K. Abraham (Ducati)/ 14. T. Nakagami (Honda)/ 15. F. Morbidelli (Honda)

Fila 6: 16. B. Smith (KTM)/17. X. Simeon (Ducati)/18. D. Pedrosa (Honda)

Fila 7: 19. A. Espargaro (Aprilia)/20. T. Luthi (Honda)/21. J. Torres (Ducati)

Fila 8: 22. S. Redding (Aprilia)/23. M. Jones (Ducati)

 

Bandiera a scacchi. Torna la pioggia negli ultimi istanti della Q2 e nessuno può migliorare. Marquez conquista la pole position. Al suo fianco in prima fila partiranno Vinales e Zarco.

-1:50: Nessuno sta migliorando i suoi tempi al momento. Tempi molto alti.

-3:13: I piloti si stanno lanciando per il loro ultimo tentativo.

-4:20: Vinales si inserisce in seconda posizione, a 3 decimi da Marquez.

-5:30: La prima fila provvisoria è composta da Marquez, Zarco e Iannone. Seguono Vinales, Rins, Millre, Rossi, Petrucci, Dovizioso, Syarinh, Pol Espargaro e Bautista.

-6:45: Marquez abbassa nettamente il limite. Gira in 1:29.199 e rifila mezzo secondo a Zarco.

-7:44: Zarco batte Iannone di 7 milessimi e si porta al comando in 1:29.795

-8:12: Pole provvisoria di Iannone in 1:29.712.

-8:37: Scivolata per Bautista in curva 10.

-9:10: Zarco si inserisce in prima fila e scalza Dovizioso dalla terza posizione.

-9:52: Marquez abbassa netttamente il limite in 1:29.742. Alle sue spalle Vinales e Dovizioso.

-11:16: Arrivano i primi tempi. Marquez al comando in 1:31.282. Pista molto fredda ma ha già smesso di piovere.

-14:14: I piloti scendono comunque in pista con gomme slick.

Iniziata la Q2. Arriva la pioggia in contemporanea con l’ inizio della sessione.

Q2 

Bandiera a scacchi. Bautista e Pol Espargaro sono i piloti che accedono alla Q2. Alle loro spalle, la classifica vede Abraham, Nakagami, Morbidelli, Smith, Simeon, Pedrosa, Aleix Espargaro, Luthi, Torres, Redding e Jones.

-0:54: Abraham rìmigliora il suo tempo ma non riesce a scalzare Pol Espargaro dalla zona qualificazione. Il ceco è a 70 millesimi dalla KTM.

-2:28: Bautista scende sotto il muro dell’ 1:30. Il nuovo limite è 1:29.851. Pol Espargaro si piazza in seconda posizione, a 3 decimi dal ducatista.

-4:37: I piloti hanno cambiato le gomme e sono rientrati in pista per l’ ultimo tentativo.

-6:23: Alle spalle di Bautista e Abraham la classifica vede Morbidelli, Pedrosa, Simeon, Pol Espargaro, Luthi, Smith, Nakagami, Torres, Aleix Espargaro, Redding e la wild card Jones.

-8:18: Karel Abraham è 2° in 1:30.556. Il piota della Ducati Angel Nieto scalza Morbidelli dalla zona qualificazione alla Q2.

-9:58: Bautista abbassa il suo tempo e lo porta a 1:30.344. Morbidelli secondo a 4 decimi.

-11:23: Bautista al comando in 1:30.969. Simeon secondo a mezzo secondo dallo spagnolo.

-13:13: I piloti si stanno lanciando in pista per il loro primo giro cronometrato.

Iniziata la Q1.

Q1

Bandiera a scacchi. Terminata la FP4. La classifica non cambia. Iannone ottiene il miglior tempo davanti a Vinales, Rossi, Dovizioso, Zarco, Marquez, Rins, Syarinh, Petrucci e Bautista.

-2:20: Alle spalle di Iannone, la top 10 vede Vinales, Rossi, Dovizioso, Zarco, Marquez, Rins, Syarinh, Petrucci e Bautista. Tutti però accusano almeno mezzo secondo di distacco dal pilota Suzuki.

-3:36: Iannone lima altri 3 decimi al suo tempo e porta il limite a 1:29.604. Il pilota della Suzuki sembra il grande favorito per la conquista della pole.

-6:38: Iannone abbassa nuovamente il suo tempo e porta il limite a 1:29.905.

-8:51: Nessuno sta facendo registrare tempi significativi in questo momento. I piloti si stanno concentrando sulla simulazione gara.

-10:11: Sulla pista di Phillip Island soffia un vento fortissimo che non permette di mandare in temperatura le gomme. Difficile forzare in queste condizioni.

-13:44: La top 10 vede Iannone al comando. Seguono Vinales, Rossi, Dovizioso, Zarco, Marquez, Rins, Syarinh, Petrucci e Nakagami.

-15:12: Molti piloti hanno ultimato il primo run e sono rientrati ai box. C’è poca attività in pista al momento.

-16:47: Nuovo giro veloce di Iannone. Il suo tempo è di 1:29.913. Alle sue spalle, Vinales, Rossi e Dovizioso.

-18:18: Iannone al comando. Il pilota Suzuki scende sotto il muro dell’ 1’30”. Il suo tempo è di 1:29.954.

-21:39: Rossi migliora il suo tempo e abbassa il limite a 1:30.292. Iannone si inserisce al secondo posto, seguito da Marquez e Vinales.

-23:11: Rossi al comando in 1:30.682. A due decimi l’altra Yamaha di Vinales.

-24:36: Rins realizza il miglior tempo in 1:31.326.

-25:34: Rischio contatto in curva 4 tra Marquez e Iannone. Il pilota della Honda sbaglia la staccata e rischia di centrare l’ abruzzese della Suzuki.

-26:07: Vinales realizza il miglior tempo provvisorio in 1:32.515.

-27:22: Scivolata per Jack Miller in curva 4. Il pilota del team Pramac riesce comunque a ripartire.

-29:10: Tutti i piloti scendono subito in pista, c’è molto traffico sul tracciato di Phillip Island.

Iniziata la FP4.

FP4

Tra poco avrà inizio la FP4.

Amici di Sport Paper, buongiorno e benvenuti alla diretta scritta testuale delle qualifiche del Gran Premio d’ Australia, classe MotoGp. Nella FP3 disputata nella notte italiana il più veloce è stato Marc Marquez, che ha girato in 1:29.716. Pochi i piloti in grado di migliorare il tempo di ieri. La lista dei qualificati alla Q2 è composta da: Iannone, Petrucci, Vinales, Dovizioso, Zarco, Marquez, Miller, Rins, Rossi e Syarinh. Cal Crtuchlow non prenderà parte al week end di gara e ha concluso la stagione. Il pilota della Honda LCR è caduto nella FP2 di ieri riportando la frattura del malleolo tibiale della gamba destra. Il suo 2018 è finito qui.

Diciasettesimo appuntamento stagionale per il Mondiale MotoGp. Si disputa sulla pista di Phillip Island il Gran Premio d’ Australia. Il Mondiale è ormai già assegnato a Marc Marquez, ma le ultime tre gare della stagione possono comunque offrire spunti interessanti. Molti i piloti che vogliono chiudere al meglio il loro 2018. Da aspettarsi quindi spettacolo e corse avvincenti, sopratutto qui in Australia.

IL CIRCUITO DI PHILLIP ISLAND

Il circuito di Phillip Island sorge sull’ omonima isola a sud di Melbourne. Ospita il Motomondiale ininterrottamente dal 1997. La pista misura 4,4 km ed è stata spesso teatro di gare avvincenti e spettacolari, con finali in volata. Logico pensare che anche quest’ anno ci sarà da divertirsi, dal momento che nessuno deve più correre pensando al Campionato. Il tracciato si percorre in senso orario, con 5 curve a destra e 7 a sinistra. Sono presenti molte pieghe a percorrenza medio-veloce, dove è molto importante lasciar scorrere la moto in percorrenza per poter aprire il gas prima in uscita. Sono solo due le curve lente. La curva 4, un tornantino da prima marcia, permette di assistere a staccate infuocate, con anche 3 piloti appaiati in entrata di curva. C’è poi la curva 10, appena dopo aver passato la linea del T3. Una curva lenta dove è molto difficile impostare la frenata, arrivando dopo una breve discesa. Qui spesso si sono decise le gare, con sorpassi che hanno fatto la storia del motociclismo.

I RISULTATI DELLE LIBERE DI IERI

Le prove libere di ieri hanno visto al comando la Suzuki di Andrea Iannone. Il pilota abruzzese intende chiudere al meglio la sua esperienza con la Casa di Hamamatsu, prima di approdare in Aprilia nel 2019. Lo ha dimostrato issandosi in vetta alla classifica facendo registrare il tempo di 1:29.131. Iannone ha preceduto di 1 decimo la Ducati Pramac di Danilo Petrucci e di 2 la Yamaha di Maverick Vinales. Andrea Dovizioso ha ottenuto il 4° tempo a 2 decimi da Iannone. Marquez si è invece piazzato solo in 7. posizione, alle spalle anche della Honda LCR di Cal Crutchlow e dalla Yamaha Monster di Johann Zarco, pagando un gap di ben 6 decimi rispetto alla Suzuki numero 29. Valentino Rossi chiude il gruppo dei primi 10, momentaneamente qualificati direttamente alla Q2. Il Dottore ha patito un divario di 1 secondo netto da Iannone, prendendo quindi ben 8 decimi anche dal suo compagno di squadra Vinales. Davanti al 9 volte Campione del Mondo, troviamo la seconda Ducati Pramac di Jack Miller e l’ altra Suzuki di Alex Rins.

Tra i piloti che al momento sarebbero costretti ad affrontare la Q1, troviamo Dani Pedrosa e Alvaro Bautista. Lo spagnolo della Honda si è piazzato 13°, con un ritardo di 1”3 dalla vetta. Bautista, che in questa gara siede sulla seconda Ducati ufficiale in sostituzione dell’ infortunato Jorge Lorenzo, ha fatto ancora peggio. Lo troviamo solo in 15. posizione, con un divario di 1”6 da Iannone.