MotoGp, annullato il Gp del Giappone: fino a novembre si corre solo in Europa

168
MotoGp Gp Giappone

MotoGp Gp Giappone : la decisione di Fim, Irta e Dorna Sports

Fim, Irta e Dorna Sports hanno annunciato in una nota la cancellazione del Grand Prix del Giappone di motociclismo. “La pandemia di Covid-19 in corso ha obbligato alla cancellazione dell’evento”, che si sarebbe tenuto dal 16 al 18 ottobre al Twin Ring di Motegi, in calendario dal 1999. Fim, Irta e Dorna Sports, continuano nel comunicato,non vedono l’ora di tornare a correre nel 2021, di fronte ad alcuni dei fan più devoti e fedeli del mondo”.

MotoGp Gp Giappone : le parole di Kaoru Tanaka

Mobilityland si stava preparando per il Gran Premio del Giappone di quest’anno, tuttavia le situazioni in Giappone ed Europa sono imprevedibili e si prevede l’estensione del divieto di viaggio internazionale”, ha dichiarato Kaoru Tanaka, Presidente, Mobilityland Corporation. “Come risultato delle nostre discussioni con Dorna, l’organo gestionale della serie – ha aggiunto – abbiamo concordato che non abbiamo altra scelta che annullare il GP del Giappone per completare la stagione. Comprendiamo che questa è una grande delusione per i fan e tutte le parti correlate”.

Fino in autunno si corre solo in Europa

“E’ con grande tristezza che annunciamo la cancellazione del Motul Grand Prix of Japan che si sarebbe svolto al singolarissimo circuito di Motegi, il che significa che non avremo un Gran Premio del Giappone in calendario per la prima volta dal 1986”. Cosi’ Carmelo Ezpeleta, ceo di Dorna Sports. “La famiglia del MotoGP sta lavorando molto duramente per poter ricominciare la stagione, per organizzare il maggior numero di eventi possibili e per farlo nel modo piu’ sicuro possibile. Per questo motivo, la FIM e Dorna, insieme ad IRTA e alla MSMA, hanno deciso che, fino a metà novembre, il MotoGP rimarrà in Europa per svolgere il maggior numero possibile di eventi. Pertanto, gli eventi oltreoceano, se possibile, potrebbero essere programmati dopo la meta’ di novembre, il che sarebbe troppo tardi per svolgere un Gran Premio in Giappone” conclude.