Parma-Inter, Antonio Conte: “Bisogna essere più cattivi ed efficaci”

L'Inter va in trasferta a Parma alla ricerca di tre punti importanti verso lo scudetto. Antonio Conte presenta la gara in conferenza stampa.

80
Conte
ANTONIO CONTE PERPLESSO A BRACCIA APERTE ( FOTO DI SALVATORE FORNELLI )

Parma-Inter

L’Inter di Antonio Conte si prepara alla trasferta di domani, 4 marzo 2021, al Bentegoti contro il Parma. Una sfida che potrebbe rivelarsi insidiosa, soprattutto perché i Ducali hanno bisogno di punti salvezza e faranno di tutto per ottenerli. In vista della gara, l’allenatore nerazzurro presenta il match in conferenza stampa.

Parma-Inter, Antonio Conte: “Più cattivi ed efficaci”

L’Inter arriva da 5 vittorie consecutive, un ruolino che non ha intenzione di interrompere, Antonio Conte, per la gara in vista, dichiara: “Ci aspettiamo una gara difficile, in questo anno e mezzo alla guida dell’Inter siamo riusciti a vincere una sola volta e abbiamo pareggiato in due. In fase realizzativa dobbiamo essere più cattivi ed efficaci. Mancano 14 partite e sono tutte delle finali per noi. In fase realizzativa dobbiamo essere più precisi e determinati, perché creiamo tante palle gol. Dobbiamo essere più cinici sottorete perché creiamo tante occasioni”. Contro il Parma, dunque, non sarà semplice, Conte spiega i suoi timori: “Hanno una classifica pesante, ma ci sono elementi di esperienza, qualità, un ottimo tecnico come D’Aversa. Bisognerà fare grande attenzione e giocare col giusto approccio e la giusta tensione. Dovremo essere bravi quando siamo in fase offensiva, perché hanno giocatori che in ripartenza fanno male”. 

L’Inter e la tegola dei diffidati

Contro il Parma arriva un Inter con diversi diffidati (Brozovic, Barella, Bastoni, Lukaku), che però dovranno scendere in campo, nonostante il pericolo di saltare la prossima gara, quella contro l’Atalanta. Al riguardo, Antonio Conte, afferma: “L’esperienza mi porta a dire che non bisogna guardare oltre la prossima partita. Per noi la più importante è quella col Parma. Abbiamo bisogno di vincere, sapendo quali sono le difficoltà. Fare calcoli non mi interessa, se dovesse arrivare un’ammonizione giocherà un altro. Ho grande fiducia in tutta la rosa. Non vedo il motivo per fare calcoli stupidi”. Intanto la formazione di Conte continuerà a dare il massimo, se si vuole raggiungere lo scudetto, l’unica strada è quella di vincere, anche se il campionato di quest’anno non è semplice: “Nel campionato italiano diventa difficile da qui alla fine non lasciare punti. Ci sarà da mantenere un buon ritmo, ogni partita da qui alla fine deve essere una finale. Più si avvicina la fine del campionato diminuiscono le partite e subentrano anche altre variabili esterne”.