Roma, Fonseca: “Non siamo Dzeko dipendenti, incognita caldo”

17
Fonseca

Roma Fonseca in conferenza stampa

“Prima del lockdown avevamo fatto alcune cose buone, ora siamo tornati bene nella prima partita, la squadra ha risposto bene, sono ottimista per la parte finale della stagione”. Così Paulo Fonseca, allenatore della Roma, intervenuto ai microfoni dell’emittente ufficiale del club in vista della partita contro il Milan. “Il Milan sta bene, l’ho visto nell’ultima partita, è una squadra più forte rispetto all’andata. Dobbiamo pensare a noi stessi e a quello che possiamo fare. Il Milan ha tanti giocatori di qualità, non solo Rebic”, ha aggiunto il tecnico portoghese. Sulla lotta per il quarto posto, Fonseca ha detto: “L’Atalanta è forte e sta bene, ma noi prima dobbiamo vincere le nostre partite”.

Fonseca: “Non siamo Dzeko dipendenti”

Una Roma che sembra essere sempre più Dzeko dipendente, ma Fonseca non la pensa così. “Tutti sono importanti, la squadra non dipende da un singolo giocatore ma da tutti”, ha dichiarato. Capitolo singoli, fra infortuni e le scelte per domani. “Giocherà Kluivert? Vediamo, l’ultima non l’ha giocata ha avuto un piccolo affaticamento in settimana, comunque è pronto per giocare. Mkhitaryan aveva un piccolo affaticamento, è pronto per giocare domani. Anche Zappacosta è pronto”, ha dichiarato. Sull’orario delle 17.15 e l’incognita calco. “Io preferisco giocare più tardi, penso farà troppo caldo per entrambe le squadre. Non ci sono scuse. Per il calcio è sempre meglio giocare senza il clima caldo. Non ho mai sentito i calciatori preoccupati – ha detto – siamo ottimisti e tranquilli. Dobbiamo fare una buona partita e dobbiamo pensare solamente a questo. Onestamente non ho pensato a staffette. Le mie decisioni sono prese sulla base di strategie o condizione fisica”. Infine sulle difficoltà nel fare gol contro la Samp. “Posso essere preoccupato se la squadra non crea, invece non creiamo tanto ed è un fatto positivo. Credo che se continuiamo a giocare così, la possibilità di fare gol è alta. Mi preoccuperei se non costruissimo occasioni da gol. Contro la Samp abbiamo segnato due reti e abbiamo vinto che è la cosa più importante. Col Milan sarà diversa, ci concederanno di meno”, ha concluso Fonseca.