Serie A: scattano subito Juventus, Napoli e Milan; bene la Fiorentina, male la Roma

Nessuna sorpresa nella prima giornata: vincono Juventus, Milan e Napoli

89
Napoli

Prima giornata senza sorprese

Il campionato parte senza sorprese; la prima giornata, incompleta per il rinvio delle gare di Inter, Atalanta e Spezia (rispettivamente con Benevento, Lazio ed Udinese), non regala sussulti particolari.

Roma unica delusa della prima giornata

Le “grandi” o presunte tali conquistano più o meno agevolmente i tre punti, a parte la Roma nella quale però le diverse assenze e la problematica gestione del “caso Dzeko”, lasciato 90’ in panchina in attesa di un possibile trasferimento alla Juventus che appare quasi sfumato in queste ultime ore, non lasciavano spazio a previsioni particolarmente rosee.

Esordio vincente per Kulusevski e Osimhen; gol ed assist già alla prima giornata

Proprio i pluricampioni d’Italia impressionano favorevolmente all’esordio casalingo contro la Sampdoria, apparsa però davvero poca cosa, specie nel primo tempo in cui gli uomini di Ranieri, troppo timorosi e rinunciatari, badano solo a difendersi, prestando il fianco all’attacco bianconero guidato nell’occasione dal solito Ronaldo e dal nuovo arrivato Kulusevski, che apre le marcature con un tocco di gran classe ed impatta subito con grande personalità nella nuova realtà dimostrando di valere l’investimento sostenuto. Pirlo, tecnico esordiente, dimostra coraggio con scelte inaspettate e fruttuose; su tutte il lancio dal primo  minuto del giovane romano Frabotta, preferito a De Sciglio nel ruolo di laterale basso di sinistra.

Altro giovane a lasciare una traccia importante alla sua prima apparizione in serie A è il “napoletano” Osimhen che Gattuso lascia inizialmente in panchina ma che una volta entrato ribalta letteralmente la gara, risolta però dai veterani Insigne e Mertens.

Ibra ricomincia alla sua maniera; doppietta vincente

Imponente, ma non è una sorpresa, Slatan Ibrahimovic che con una doppietta stende il Bologna dell’amico Mihailovic, allungando il periodo positivo del Milan iniziato nel post-Covid. I rossoneri si confermano così come la possibile “mina vagante” dell’alta classifica.

La Fiorentina “mata” il Torino

Bene anche la Fiorentina che supera il Torino in quello che poteva essere considerato alla vigilia una specie di “spareggio” tra le grandi deluse dello scorso torneo; i viola giocano meglio, sostenuti dalla classe di Ribery, e l’azione del gol, ispirato da Chiesa e realizzato da Castrovilli, è il manifesto rappresentativo della scapigliata gioventù dei gigliati.

Male invece il Crotone, che “bagna” il ritorno nella massima serie con un sonoro 4-1 rimediato dal non certo irresistibile Genoa, nel quale ritrova il goal perfino Destro, che non realizzava una rete decisiva da tempo immemore.

Splendido infine il calcio di punizione con il quale Bourabia “pareggia” la rete di Simeone scongiurando una sconfitta che il Sassuolo non avrebbe meritato.

Calciomercato: per l’Inter c’è Vidal

Prosegue intanto il calciomercato e l’Inter, in attesa di esordire in campionato sabato sera contro la Fiorentina, si coccola l’arrivo del nuovo acquisto Vidal, pupillo di mister Conte…