Sicurezza e vivibilità negli stadi. A Firenze congresso con Tagliente e Ghirelli

226

Firenze. I delegati alla sicurezza a congresso per migliorare la vivibilità negli stadi. Focus con Tagliente e Ghirelli.

Questa mattina, a Firenze, nella sede della Lega Pro (via Jacopo Diacceto 19), si terranno i lavori del XVII Congresso dell’Associazione nazionale dei delegati della sicurezza (A.N.DE.S).  L’incontro, rivolto ai delegati per la sicurezza ma aperto a tutti i cultori della materia. E’ il primo dei due momenti formativi annuali dell’Associazione Nazionale Delegati alla Sicurezza

Al fine di approfondire i meccanismi e le strategie per promuovere la sicurezza negli impianti sportivi e in particolare per capire come i Delegati alla sicurezza possono contribuire e ridurre il divario che sussiste tra la percezione e la realtà, il Presidente A.N.DE.S Ferruccio Taroni, ha organizzato anche una tavola rotonda su “Sicurezza percepita e sicurezza reale: quale divario nella concezione comune.

I lavori prenderanno il via con l’apertura del presidente Taroni. E atteso in indirizzo di saluto anche da parte del Questore di Firenze Alberto Intini,

A trattare l’argomento è stato invitato Francesco Tagliente, specializzato in criminologia applicata al controllo sociale, apprezzato poliziotto, questore e prefetto, padre storico dell’Osservatorio, una vita dedicata allo sport, prima da atleta e poi da professionista della sicurezza.

Al dibattito ha aderito anche Francesco Ghirelli direttore generale Lega Pro, con il quale Tagliente ha condiviso la quasi totalità dei progetti antiviolenza, da quello normativo e quelli operativi per la sicurezza degli eventi. Ghirelli è stato un importante rappresentante del mondo dello sport anche per l’elaborazione di tutta la normativa antiviolenza varata negli anni della gestione Tagliente al Ministero, dal 2000 al 2006.

Parteciperanno alla Tavola Rotonda anche Maurizio Francini ora responsabile del Centro Tecnico Federale di Coverciano, già responsabile della sicurezza dell’AcfFiorentina, e Carlo Feliziani responsabile ticketing dell’As Roma: Entrambi ritenuti da Tagliente “protagonisti di un ruolo focale nelle attività di gestione delle manifestazione calcistica. La loro funzione è stata determinante per garantire il diritto dei tifosi di recarsi allo stadio in sicurezza”.

Ad un dibattito organizzato sulla “Sicurezza percepita e sicurezza reale” non poteva mancare il contributo degli studiosi delle scienze comportamentali. Per il mondo accademico è stato invitato il Prof. Stefano Taddei, docente di psicologia dell’Università degli Studi di Firenze.

Il prefetto Tagliente è un convinto sostenitore della tesi che nella comunicazione sulla sicurezza occorre una formazione specializzata. Gli operatori della sicurezza devono possedere conoscenze e strumenti operativi specialistici, per comunicare in modo sempre più efficace con diversi interlocutori. I delegati alla sicurezza, così come le forze di polizia, devono assicurare sempre più elevati standard nell’approccio con la stampa, con i tifosi e con gli altri soggetti chiamati a concorrere nella pianificazione e gestione degli eventi.

Tagliente da questore di Firenze avvertì questa esigenza e, in collaborazione con la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze, organizzò un corso specialistico post laurea sul tema “Aspetti psicologici nella raccolta di informazioni testimoniali e nella comunicazione” riservato a 44 operatori della Polizia di Stato impegnati nella comunicazione e nella gestione delle vittime di femminicidio. Uno dei Direttori del Corso di perfezionamento era il Prof. Stefano Taddei.