Sir Safety Perugia: arriva Matthew Anderson

78
Protocollo FIPAV

La Sir Safety Conad Perugia annuncia il primo acquisto ufficiale per la prossima stagione: arriva il martello americano Matthew Anderson


Gran colpo per la società di Perugia che si assicura un big del volley mondiale. Nato a Buffalo, classe 1987, 2 metri e 4 centimetri, Anderson vanta una ricca carriera con esperienze in 3 continenti e molti trofei conquistati. Ha vissuto una lunga parentesi (7 anni) con lo Zenit Kazan con 5 campionati russi, 4 coppe di Russia, 5 supercoppe russe, 4 Champions League ed un mondiale per club) che con la maglia della nazionale a stelle e strisce (tra i tanti spiccano il bronzo olimpico del 2016, il bronzo mondiale del 2018 e gli ori in World League nel 2014 e nella Coppa del Mondo nel 2015) oltre ad una raffica di premi individuali (come l’Mvp nella Coppa del Mondo del 2015 e nella VNL del 2019, ma Anderson è stato anche ben 6 volte pallavolista maschile statunitense dell’anno).

Giocatore completo in ogni fondamentale, capace di ricoprire più ruoli, esperto ed abituato a giocare per i massimi livelli, Anderson torna dunque nella Superlega Italiana dopo le stagioni a Vibo Valentia ed a Modena e lo farà con la maglia bianconera.

Le prime parole di Anderson da giocatore della Sir Safety Perugia

“Sono molto felice di tornare in Italia per continuare la mia carriera e di farlo a Perugia, una società dove c’è un grande ambiente per me e per la mia famiglia e con un grande gruppo di tifosi a seguito della squadra. Perugia è un team che ha obiettivi importanti, in linea con i miei obiettivi personali che sono quelli di lottare per vincere lo scudetto ed anche la Champions League. Perciò credo che Perugia sia la soluzione giusta per me”.

Anderson torna anche a indossare la stessa maglia di Leon, con il quale aveva giocato a Kazan dal 2014 al 2018, in merito dice: “Naturalmente sono felice di giocare di nuovo con Leon. Secondo me è il miglior attaccante del mondo, ma è anche una delle persone più simpatiche che ho incontrato durante la mia carriera”.