Superlega, guai per le sei della Premier: in arrivo una sanzione

Superlega, guai per le partecipanti al nuovo progetto appartenenti alla Premier League. La Federcalcio inglese prevede duri provvedimenti.

39
Premier League

Superlega, guai per le inglesi

Non c’è fine al caos della Superlega, l’ultima novità arriva dall’Inghilterra: la lega inglese sta decidendo su una possibile sanzione alle sei partecipanti della Premier. A quanto pare non è servito soltanto tirarsi fuori al progetto. Guai in vista per Liverpool, Chelsea, Manchester United, Manchester City, Arsenal e Tottenham.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>>

Superlega, il comunicato ufficiale della Federcalcio inglese

La Football Association, la federcalcio inglese, oggi ha emesso un comunicato ufficiale: “Da quando siamo venuti a conoscenza della Superlega europea, la nostra priorità e attenzione è stata quella di impedire che accada, sia ora che in futuro – si legge nella nota – in tutto questo periodo abbiamo intrattenuto discussioni con il governo, la Premier League e la Uefa. In particolare abbiamo discusso con il governo una legislazione che ci consenta di prevenire qualsiasi minaccia simile in futuro in modo da poter proteggere la piramide del calcio inglese“.

La scorsa settimana abbiamo avviato un’inchiesta ufficiale sulla formazione della Superlega europea e sul coinvolgimento dei sei club inglesi, abbiamo scritto a tutti i club per richiedere formalmente tutte le informazioni e le prove riguardanti la loro partecipazione. Una volta ottenute le informazioni richieste, valuteremo le misure appropriate da intraprendere. Chiaramente quello che è successo era inaccettabile e avrebbe potuto causare gravi danni ai club di ogni livello del calcio inglese. I tifosi hanno svolto un ruolo vitale e di impatto nell’aiutare a fermare la Superlega europea e comprendiamo le loro frustrazioni. Tuttavia, non possiamo perdonare il comportamento violento e criminale che ha avuto luogo prima della partita tra Manchester United e Liverpool, su cui la FA sta ora indagando“.