Tennis, Atp Madrid: Berrettini illude, Zverev rimonta e vince

Matteo illude per un set e mezzo ma Zverev riesce a non disunirsi e vincere il quarto 1000 in carriera

61
Berrettini
Foto Wikicommons

Tennis, Atp Madrid: sfuma la prima vittoria di un Masters 1000, Berrettini si fa rimontare da Zverev dopo aver giocato un set e mezzo in assoluto stato di grazia

Tennis, ATP Madrid – Matteo Berrettini, dopo aver sconfitto Casper Ruud in semifinale, deve arrendersi in finale ad Zverev. Il tennista tedesco, numero 6 del ranking atp, si è imposto in rimonta con il punteggio di 7-6 4-6 3-6 dopo due ore e 42 minuti di puro e sano agonismo. L’azzurro ha illuso tutti i suoi tifosi disputando una prima frazione surreale, non sbagliando neanche un colpo e risultando sempre efficace e decisivo. Zverev, però, è stato sempre attaccato al match e, non appena Matteo ha iniziato ad inanellare diversi errori consecutivi, li ha sfruttati riuscendo prima a pareggiare e poi a vincere il quarto Masters 1000 in carriera, il secondo a Madrid, il quindicesimo torneo da quando è nel circuito. Sascha ha dimostrato di essere, ancora una volta, l’unica valida alternativa ai big three.

Dopo un inizio di stagione sfortunato per Matteo, infortunato agli addominali durante gli Australian Open, la stagione ha preso una piega molto positiva: il tennista romano, con un torneo vinto e una finale Masters 1000, sarà uno dei protagonisti agli Internazionali di Roma.

Finale Atp Madrid, le parole dei protagonisti

Durante la premiazione, Berrettini ammette la delusione: “È stata una bella lotta – ha detto -, spero almeno di aver fatto divertire gli appassionati. È naturale che adesso sia deluso. Questo è uno sport folle che ti fa vivere momenti straordinari e grandi delusioni. Adesso sono deluso, lo ammetto, ma spero di tornare qui il prossimo anno e fare meglio di così”. Zverev si complimenta con l’avversario e lo incorona per il futuro prossimo: “Hai disputato una grande partita, so cosa provi adesso perché ci sono passato diverse volte. Ma presto, soprattutto se continuerai a giocare così, toccherà anche a te”.