Fantacalcio: domina Vlahovic; flop Tatarusanu. Exploit di Afena, la scelta Felix di Mourinho

Vlahovic sempre più decisivo; è lui il migliore della tredicesima giornata. Male Tatarusanu e Reina. Exploit del giovane Afena Felix

36
Juventus Fiorentina, risultato, tabellino e highlights
Dusan Vlahovic ph: Fornelli/Keypress

Gioie e dolori per i fantallenatori. Il migliore è Vlahovic. 0 in pagella per Tatarusanu

Giornata ricca di reti che regalano tanti punti agli appassionati di fantacalcio, ma anche farcita, qua e là, da pericolosi sbandamenti e topiche che ne hanno penalizzati altrettanti.

Sugli scudi ancora una volta il gigliato Vlahovic, che vince di forza il duello con Ibra, ma anche il portiere doriano Audero che dopo aver collezionato diverse segnalazioni negative riesce ad assurgere a migliore del suo ruolo mantenendo inviolata la propria porta.

Specificando come di consueto che per quanto riguarda il ruolo attribuito facciamo riferimento al metodo CLASSIC, andiamo a vedere nel dettaglio, per ogni singolo reparto, quali sono state le risultanze individuali del tredicesimo turno.

PORTIERI –  Stavolta è Audero (fm 7) a conquistare fra i pali la palma del migliore, grazie soprattutto alla gran parata con la quale si è opposto a Ranieri, seguito a ruota dal romanista Rui Patricio (fm 6,5). Decisamente dietro la lavagna finiscono invece Provedel (fm 0,5) e soprattutto Tatarusanu (fm 0) che pur subendo una rete in meno del portiere spezzino macchia la sua prestazione con un marchiano errore in occasione della prima realizzazione viola. Subito dietro con un secco 2,5 di fantamedia c’è il biancoceleste Reina, colpevole di un’inspiegabile gita fuori porta e del successivo intervento su Chiesa punito giustamente con rigore e cartellino giallo.

DIFENSORI – A proposito di rigori, Bonucci con la sua inedita doppietta dal dischetto assurge a miglior difensore di giornata, totalizzando una fantamedia (14) solitamente riservata agli attaccanti e frutto anche della sua impeccabile prestazione difensiva. Alle sue spalle si piazzano Romagnoli dell’Empoli (prima rete in serie A) e Bremer del Torino, entrambi in gol e con la medesima fantamedia da 10. Di contro va decisamente tutto storto a Venuti che macchia la sua prestazione sufficiente con un’autorete che gli vale il -2 e lo porta alla fantamedia di 4 e quindi all’ultimo posto tra i difensori, al pari dello spezzino Hristov, ammonito. Peggio di loro a livello di prestazione, ma con una fantamedia meno negativa in quanto non appesantita da malus, il milanista Gabbia, complice di Tatarusanu in occasione del primo gol della Fiorentina.

CENTROCAMPISTI – Grande giornata per Pasalic che ottiene uno splendido 14,5 di fantamedia grazie a doppietta ed assist; non fosse stato per l’ammonizione rimediata sarebbe risultato il migliore in assoluto dell’intera giornata. Alle sue spalle Duncan che unisce alla sua solita prestazione generosa, fatta di palle recuperate e contrasti vinti, un gol ed un assist come Barak; per entrambi un bel 11,5 di fantamedia. L’autorete punisce oltremodo il salernitano Di Tacchio che risulta il peggiore nel ruolo con un secco 3 di fantamedia anche se a livello di prestazione risulterebbe al pari del laziale Luis Alberto la cui giornata storta è evidenziata da un brutto 5 in pagella che diventa 4,5  a seguito del cartellino giallo raccolto.

ATTACCANTI Vlahovic domina, ancora una volta, grazie alla doppietta che stende il Milan capolista. L’assist serve a portare a 15 la fantamedia e a fargli vincere idealmente la palma d’oro della giornata. Solo mezzo punto di meno per Ibrahimovic al quale manca però anche l’assist, così che il totale della sua Fm si ferma, si fa per dire, a 13,5, come il giovanissimo Felix Afena, realizzatore di una splendida doppietta che da la vittoria alla Roma sul campo del derelitto Genoa, ma penalizzato dal cartellino giallo. Dietro la lavagna con la fantamedia di 5 ci finiscono in molti; segnaliamo tra tutti il laziale Muriqi, sempre più fuori dal progetto di Sarri, ed il romanista Abraham, che dopo un inizio al fulmicotone si è progressivamente spento sia a livello di prestazioni sia di realizzazioni ed ora potrebbe addirittura rischiare la titolarità.