Lazio, nodo portiere. Retroscena sul contratto di Musacchio

Il futuro di Strakosha è in bilico mentre per il difensore c'è un particolare sul contratto da non sottovalutare

108
Musacchio
Mateo Musacchio ph: Fornelli/Keypress

In casa biancoceleste si ragiona sul futuro di Strakosha. Spunta una retroscena sul contratto di Musacchio

Sabato sera la Lazio di Simone Inzaghi è stata sconfitta per 3-1 dalla Juventus. Un ko molto importante in termini di qualificazione alla prossima Champions League visto che la distanza dal 4° posto è al momenti di 7 punti. Però, i biancocelesti devono recuperare la gara contro il Torino. Igli Tare e Claudio Lotito, in queste settimane, stanno lavorando su diverse situazioni come quella del rinnovo del tecnico biancoceleste. Un’altra questione aperta è quella legata a Thomas Strakosha, portiere albanese. Il classe 1995 ha un contratto che scade nel 2022 e a causa di alcune episodi è stato scavalcato nelle gerarche da Pepe Reina. Come riferito da lalaziosiamonoi, la situazione legata al rinnovo è un rebus. Strakosha vuole capire le intenzioni del club ma non è da escludere che il portiere possa chiedere la cessione in estate. Il Borussia Dortmund è alla porta.

Calciomercato Lazio, novità sul futuro di Musacchio

A gennaio, dal Milan, è arrivato Mateo Musacchio. L’argentino è stato preso per rinforzare un reparto in difficoltà. Il solo Acerbi sembra offrire le uniche garanzie mentre gli altri hanno palesato dei problemi. C’è una questione sollevata da La Repubblica legata al contrattato di Musacchio. Il classe 1990 ha firmato fino a giugno 2021 ma la Lazio si troverebbe costretta a blindarlo per i prossimi due anni qualora l’argentino dovesse arrivare a quota 10 presenze entro la fine del campionato. L’ex Milan è reduce da due panchine consecutive, finora ha disputato tre presenze in Serie A (Atalanta, Cagliari e Sampdoria) e una in Champions League contro il Bayern Monaco. Naturalmente tra i tifosi ci si chiede come mai non abbia giocato ultimamente e probabilmente la situazione contrattuale potrebbe essere la risposta.