Esordio da record per Harden mentre i Nets aspettano Kyrie, o forse no?

39

Non sarebbe potuto andare meglio l’esordio di James Harden con i Brooklyn Nets: vittoria sugli Orlando Magic e tripla doppia da 32-12-14. Si tratta inoltre della prima volta nella storia in cui un giocatore fa registrare una tripla doppia da almeno 30 punti alla prima uscita con una nuova casacca.

Come se non bastasse, anche Kevin Durant ha offerto una prova da ricordare, con 42 punti, 4 rimbalzi e 5 assist. I due, che avevano già giocato insieme agli OKC Thunder dal 2009 al 2012, danno così un assaggio di quanto devastante potrà essere questo nuovo tandem di stelle. “E’ stato incredibile” ha detto poi il numero 7 del suo nuovo, vecchio compagno.

“Spero che si capisca dal mio sorriso.” ha commentato Harden “Quanto sono euforico per questa occasione. Si tratta di un’organizzazione fantastica da capo a fondo. Io devo solo cercare di essere la miglior versione di me stesso, e poi vedremo cosa potrà succedere.”

Nel frattempo, ancora lontano dal parquet Kyrie Irving. Fino a poche settimane fa comprimario di Durant, complici le ultime assenze e uscite sopra le righe, ora l’ex Boston Celtics si trova ai margini di un rinnovato terzetto di stelle. Recentemente sanzionato per oltre 800 000 dollari per la violazione dei protocolli covid NBA, la sua permanenza potrebbe non essere più così scontata.

I Nets si trovano infatti con le rotazioni ridotte all’osso in seguito all’affare che ha portato Harden a Brooklyn, e le possibilità per rimpolparle appaiono poche. Una passerà senza ombra di dubbio dal mercato dei buy-out, ma un’alternativa potrebbe essere rappresentata da un’eventuale interlocutore interessato ad acquisire proprio Kyrie. Al netto delle brutte figure che, come detto, Irving ha inanellato nelle ultime settimane di lontananza dai campi NBA.

Ciò che è sicuro, comunque, è che la rinnovata convivenza tra Harden e Durant si presenta già come un’ombra spaventosa per le altre candidate al titolo, soprattutto della Eastern Conference. Qualora i Nets dovessero risolvere al meglio la questione Irving, vuoi con uno scambio vantaggioso o con un ritorno a pieno regime, allora diventerebbero davvero terrificanti.