MotoGp, Valentino Rossi: “Il test con la Honda 500 è stato memorabile”

Valentino Rossi ha raccontato che i test non gli mancheranno affatto, anche se uno in particolare lo ha divertito.

173
valentino rossi
Valentino Rossi - Foto tratta da social network

Gli ultimi test della carriera di Valentino Rossi

Si sta per chiudere definitivamente la lunga carriera di Valentino Rossi in MotoGP. Alla “tenera” età di 42 anni, il Dottore, appenderà il casco al chiodo con un nuovo futuro all’orizzonte. Ecco quindi che iniziano le sue ultime volte. Come Martedì 21 e mercoledì 22 settembre, in cui Rossi ha affrontato gli ultimi due giorni di test della sua carriera. A fine giornata ha raccontato quali sono state le sue sensazioni: “È l’ultimo test quindi è un momento importante, ma sinceramente non mi mancheranno i test in futuro! Si tratta di lavoro duro, fisico e mentale. Ed è la parte difficile del nostro lavoro. Preferisco i weekend di gara!”.

La Honda 500 il test più memorabile della incredibile carriera di Valentino Rossi

Insomma al pilota di Tavullia non mancheranno i test. Andando poi indietro con il tempo, c’è mai stato un test che lo ha divertito e stupito? Ecco la sua risposta: Sono quelli quando ho provato per la prima volta una moto nuova. Quindi ricordo benissimo il primo test con la 250 ma soprattutto il primo test con la Honda 500 a Jerez, con Jeremy Burgess e Bernie Ansiau. Penso che fosse novembre o dicembre 1999. È stato molto impressionante. Dopo, ricordo il primo test della Honda quattro tempi che è stato a Suzuka dopo la 8 Ore. Abbiamo vinto la 8 ore con Colin Edwards e poi abbiamo fatto il test con la prima MotoGP. Ed era agosto 2001. L’altro test che ricordo molto bene è stato il primo test con la Yamaha, a Sepang, nel gennaio del 2004. La prima volta che ho provato la M1. Sempre insieme a Jeremy. Penso che questi siano i migliori test della mia carriera”.

Intanto con Petronas ci sono dei miglioramenti: “È stato abbastanza positivo, soprattutto il primo giorno perché non ho avuto nuovi elementi da provare, ma abbiamo cercato di concentrarci sulle regolazioni e su tutti i piccoli dettagli. Abbiamo trovato qualcosa di buono e avevo un buon passo. Ho migliorato il mio ritmo e anche il tempo sul giro è stato piuttosto buono”. Il prossimo Gran Premio in programma si terrà il prossimo fine settimana, sul circuito di Austin, in Texas.