Roberta Vinci, il momento dell’addio è arrivato: “Sono felice”

58

Non ha toccato la vetta del mondo, per lo meno nel singolare, ma una campionessa non si giudica solo dai risultati sportivi. Roberta Vinci è riuscita ad avvicinare le persone al tennis – sport d’élite per eccezione – solo per il suo modo di fare. Oggi finisce la sua avventura sui campi da giocatrice, con una sconfitta ma sempre con il sorriso. E non ci resta altro che dire: “Grazie Roberta!”.

Questione di carattere

Roberta Vinci in questi anni di carriera ha regalato agli appassionati di questo sport, ma non solo, un rovescio in back diventato il suo marchio di fabbrica. Quel colpo un po’ “sporco” che poco si addice alla continuare ricerca dell’estetica perfetta del tennis che non ha eguali.

Così come, nel 2005, quel grido al pubblico americano “adesso applaudite me c***o” nella semifinale vinta contro Serena Williams, contro ogni pronostico, e che tolse alla statunitense la possibilità di conquistare il Grande Slam davanti al pubblico di casa.

Ma quegli US Open hanno qualcosa di speciale in più: la finale tutta azzurra, e tutta pugliese, con Flavia Pennetta. E poco importa la sconfitta, con quelle due serate da incorniciare ha fatto diventare il tennis un po’ più “umano”.

Doppio da favola

Ma è in doppio, con la connazionale Sara Errani, che si toglie le migliori soddisfazioni. Doppietta di successi agli Australian Open poi il Roland Garros, gli US Open e la conquista del titolo sull’erba di Wimbledon. Mai una parola fuori posto, neanche dopo tutte le illazioni seguite alla scelta della coppia di separarsi.

Addio

A 35 anni il fisco non risponde più come – forse – si vorrebbe. I tanti infortuni che ne hanno caratterizzato la carriera, senza mai abbatterla, iniziano a farsi sentire ed è il momento in cui si capisce che è giusto dire basta. E non ci poteva essere palcoscenico migliore che quello degli Internazionali d’Italia.

Oggi, con la sconfitta ai 32esimi, finisce la sua carriera agonistica perché di certo, dopo una vita con la racchetta in mano, non smetterà mai di essere una tennista. E a salutare Roberta, sul Pietrangeli, sono davvero in tanti. Difficile trattenere le lacrime ma anche tanti sorrisi per una decisione presa senza mai aver un ripensamento.

“Questo è il mio ultimo torneo: Ringrazio tutti, dalla Federazione al mio staff e tutto il pubblico che c’è qui oggi. Non è facile parlare in questi momenti ma voglio solo dire che sono felice” le prime parole della tarantina che poi scherza: “Da oggi sono finalmente in vacanza! Scusate ragazzi ma non ce la facevo davvero più!

E non poteva mancare il messaggio sui social, il suo soprattutto e quello delle colleghe che hanno condiviso con lei questi 21 anni – straordinari – di carriera.

Per le tue giocate sui maggiori tornei di tennis, utilizza il codice promozione planetwin365