Serve un altro Napoli contro il Liverpool

20

Partita ad alto rischio quella di Champions League, bisogna cambiare mentalità

Un punto che non serve tanto al Napoli, quello conquistato a San Siro ieri sera nel posticipo delle 18. Una squadra che è apparsa poco volenterosa di vincere, distrazioni, superficialità, se ne salvano pochi. Allan, Lozano e Koulibaly, i migliori in campo. Questo schema di Ancelotti, probabilmente, non entra nella testa di chi scende in campo. Disorganizzazione, movimenti non unanimi e giocatori fuori ruolo, vedi Elmas ad esterno sinistro.

E quando ci sono state occasioni per battere Donnarumma, gli azzurri non sono stati cinici, soprattutto Insigne, che si perde nel colpo decisivo. Gli azzurri cosi restano a 4 punti dalla zona Champions, con Roma,Cagliari e Lazio, che giocheranno oggi e che potranno allungare le distanze. Il Napoli, intanto, sta preparando la gara di mercoledì di Anfield Road, contro il Liverpool. Sulla carta, diciamolo con onestà, non c’è partita. Serve un’altra squadra, con un’altra mentalità, pronta al sacrificio e ad ottenere anche quel punto, che sarebbe utile per accedere già agli ottavi.

Ieri Ancelotti, ha riservato Manolas, Fabian Ruiz e Mertens, inserito per una mezz’ora contro il Milan. Ci sarà sempre il 4-4-2? Fatto sta, che in Inghilterra, il Napoli non può rischiare, perché se arrivasse una sconfitta e se il Salisburgo battesse il Genk, crescerebbe anche l’ansia di rischiare il passaggio al turno successivo.