Tennis, Assoluti di Todi: Sonego e Paolini sono Campioni d’Italia

154
Tennis Assoluti Todi Sonego Paolini
Foto Facebook

Tennis Assoluti Todi Sonego Paolini campioni d’Italia

Lorenzo Sonego è il nuovo campione italiano di tennis. Il torinese ha superato nella finale maschile dei Campionati Italiani Assoluti di Todi Andrea Arnaboldi in due set. Sonego si è imposto con il punteggio di 6-4, 6-3 in un’ora e 46 di gioco.  Sonego, numero 46 della classifica mondiale, ha conquistato il titolo crescendo turno dopo turno. Il piemontese ha rischiato tantissimo all’esordio contro il pugliese Andrea Pellegrino, n. 341 del mondo, contro il quale ha dovuto annullare tre match point consecutivi. Nessun problema invece in finale contro Arnaboldi, n. 282 del mondo. Sonego sarà di nuovo in campo la prossima settimana a Perugia per la seconda tappa del circuito ZzzQuil tennis tour 2020. In tabellone troverà anche lo spagnolo Pablo Andujar, n. 53 del mondo. Un buon test sulla strada per la ripresa del circuito Atp, prevista per il 14 agosto a Washington.

Tennis Assoluti Todi Sonego Paolini campioni d’Italia

Jasmine Paolini ha vinto il titolo nel singolare femminile degli Assoluti di Todi, primo torneo in Italia dopo lo stop per il coronavirus. In finale, la 24enne toscana e numero 95 del ranking Wta, ha approfittato del ritiro di Martina Trevisan sul punteggio di 6-5 nel primo set. Martina Trevisan, testa di serie numero due, è stata costretta nella finale degli Assoluti contro Jasmine Paolini al ritiro per un problema muscolare alla coscia destra (dalle prime notizie un principio di stiramento). Tanto equilibrio fino al 4-4, poi al cambio di campo con la Paolini avanti 5-4, la Trevisan ha chiesto l’intervento medico e si è fatta fasciare la coscia destra. Quindi con la rivale avanti 6-5 e 0-30 al proprio turno di battuta il ritiro dopo 40 minuti di gioco. Amiche e compagne di squadra con la maglia azzurra in Fed Cup, erano tre i precedenti a livello internazionale con Jasmine in vantaggio 2-1 e che si è imposta a inizio stagione a Shenzhen. “Mi ero accorta che Martina aveva qualche problema mi spiace, sono contenta ma avrei preferito vincerla sul campo. Il mio livello è salito rispetto ai giorni scorsi ance se avevo qualche difficoltà a rispondere visto che lei è mancina. Peccato perché stavamo giocando un buon match. Ci eravamo già affrontate a inizio stagione a Shenzhen, da quel giorno con tutto quel che è accaduto negli ultimi mesi con la pandemia sembra passato un secolo”, ha detto la vincitrice degli Assoluti. La Paolini aveva vinto entrambi i match che l’avevano portata in semifinale salvandosi al match tie break. Dopo le sofferenze e le false partenze dei giorni scorsi prima contro Matilde Paoletti e poi contro Stefania Rubini, già in semifinale contro Camilla Rosatello era apparsa in crescita.