Tennis, Atp Madrid: Berrettini conquista la finale contro Zverev

Il tennista romano domani sfiderà Zverev nella sua prima finale di un Masters 1000

71
Berrettini
Foto Wikicommons

Tennis, Atp Madrid: Matteo Berrettini batte Casper Ruud con un doppio 6-4 dopo un’ora e 23 minuti di gioco. Domani il tennista azzurro giocherà la prima finale di un master 1000

Tennis, ATP Madrid – Matteo Berrettini vola alla finale del Masters 1000 di Madrid, competizione che si sta disputando sulla terra battuta della “Caja Magica” della capitale spagnola. Il tennista azzurro, n.10 ATP e numero 8 del seeding, ha battuto Casper Ruud, n. 22 ATP. Il tennista norvegese è stato liquidato dal romano con un doppio 6-4 dopo un’ora e 23 minuti che è risultato micidiale alla battuta.

Sul centrale di Madrid Berrettini fa suo il primo set, conquistando il break al nono game e chiudendo sul 6-4. Nella seconda frazione non c’è mai stata partita perché l’azzurro non sbaglia neanche un colpo. Matteo controlla molto bene i suoi turni di battuta, breakkando l’avversario al quinto gioco e amministrando il vantaggio fino alla fine.

Dopo la vittoria, il tennista romano, ha così parlato dell’avversario odierno e di quello che lo aspetta domani: “La sconfitta a Roma, quando ero avanti al terzo mi è rimata nella testa per un po’. Ma con stasera credo di averla cancellata… Sono contento di come ho giocato, e ho davvero voglia di godermi la prima finale di un 1000 in carriera”. Zverev è in uno stato di grazia, proprio come lui: “Per questo ho voglia di affrontarlo, di vedere come sto, di misurarmi in un match così importante. Bisognerà avere l’atteggiamento giusto, sempre presente a me stesso. Ci sto lavorando molto con Stefano Massari, il mio mental coach. L’obiettivo è essere, passatemi il termine, cazzuto

Matteo Berrettni domani sfiderà il tennista tedesco Alexander Zverev, numero 6 del ranking ATP, nella prima finale in un torneo Master 1000 del circuito ATP. I precedenti sono 2-1 in favore del tedesco ma sulla terra il conteggio è 1-1 (entrambi a Roma).