Calcio, Spadafora: “Sport e Calcio simboli di ripartenza”

63
Serie A probabili formazioni 27 giornata
Serie A - ph: Fornelli

Spadafora: “Calcio sinonimo di ripartenza”

Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, è intervenuto ai microfoni di TG2 Post parlando della ripresa del calcio e sulla possibilità della diretta in chiaro dei match. Queste le sue parole: “La preoccupazione continua a esserci, la stessa preoccupazione che ci ha portato al senso di responsabilità, ciò che altri hanno chiamato indecisione o voglia di andare contro il calcio. Non posso altro che sorridere davanti a cose del genere, era soltanto senso di responsabilità del Governo. Nel momento in cui eravamo in difficoltà con le terapie intensive o trasportavamo le bare con i mezzi della difesa, ricevevo le pressioni del mondo del calcio, e questo l’ho trovato paradossale. Oggi che tutto il paese riparte è giusto che lo sport e il calcio siano il simbolo della ripartenza. Sono contento che si riparta dalla Coppa Italia, saranno tre belle partite che verranno trasmessa in chiaro sulla Rai, e sono contento se si potrà essere all’Olimpico per la finale il 17 giugno, a 50 anni da Italia – Germania. Oggi il calcio riparte perché siamo in sicurezza e ce lo possiamo consentire, ma bisogna continuare a fare attenzione”.

Partite in chiaro

 “Abbiamo due necessità. La prima è sanitaria e dobbiamo evitare che l’apertura del campionato produca assembramenti. Poi dobbiamo gestire il rispetto dell’ordine pubblico, e in questi giorni abbiamo visto la contrarietà della stragrande maggioranza delle tifoserie organizzate alla ripartenza. Per ciò che rappresenta il calcio per la ripartenza del paese credo che un segnale debba esserci. Ciò non significa che tutte le partite debbano essere trasmesse in chiaro . Io ho fatto un appello alla disponibilità dei broadcaster interessati. Nei prossimi giorni proverò la mediazione e non escludo un intervento normativo se fosse necessario. Io cerco sempre di dialogare, ma se dalla parte opposta non trovo persone disposte a dialogare, allora mi assumo le mie responsabilità”.