Fantacalcio, consigli per la terza giornata di campionato

93

Al via la terza giornata del fantacalcio

Torna la Serie A, torna il fantacalcio. I consigli firmati Sky per i fantallenatori, obiettivo schierare la miglior fantaformazione e… vincere.

FIORENTINA-JUVENTUS, sabato ore 15
Fiorentina, prima da titolare per Ribery?
Zero punti in due gare e la Juventus all’orizzonte. Non è certo il quadro che tifosi, giocatori e dirigenza speravano di trovare appeso al muro dopo 180 minuti di Serie A ma ora urge sbloccare la classifica. Solo un paio di dubbi per Montella. Davanti si candida Pedro ma esordire contro i bianconeri può essere un azzardo. Favorito ancora Boateng. Benassi non è al meglio mentre in attacco Ribery pare pronto a prendersi una maglia da titolare.

Fiorentina (4-3-3) probabile formazione: Dragowski; Lirola, Milenkovic, Pezzella, Dalbert; Castrovilli, Badelj, Pulgar; Chiesa, Boateng, Ribery

Juventus, Emre Can dal 1′?
E’ una questione matematica. Ne puoi schierare solo 11 a inizio partita e guardando la rosa della Juventus è inevitabile che qualche big resti fuori dalla formazione iniziale con relativo muso lungo. Contro la Fiorentina il tecnico bianconero pare orientato ad attivare la modalità ‘titolarissimi’ con la conferma di quasi tutto l’XI titolare visto prima della pausa contro il Napoli. Ci sarà da verificare condizione fisica e fuso orario di un paio di elementi ma ad oggi c’è out il solo De Sciglio con Danilo pronto ad esordire dal primo minuto. In mediana invece Emre Can può sopravanzare Khedira.

Juventus (4-3-3) probabile formazione: Szczesny; Danilo, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Ronaldo

NAPOLI-SAMPDORIA, sabato ore 18
Napoli, Insigne non al meglio

Carlo Ancelotti ha il problema spogliatoi, ma non quello della squadra. La querelle tra tecnico e direzione dei lavori dello stadio è cosa nota ma almeno, lato squadra, paiono non esserci grossi problemi. Da monitorare i vari nazionali, per alcuni allenamenti personalizzati. Milik è ancora alle prese con un fastidio muscolare mentre Insigne è da valutare in vista della sfida contro la Samp. Il problema muscolare sembra alle spalle visto che è tornato ad allenarsi in gruppo ma la sua titolarità non è certa, anzi…

Napoli (4-4-2) probabile formazione: Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski; Mertens, Lozano

Sampdoria, Di Francesco passa al 3-4-3?

Di Francesco ha potuto lavorare con tutta la squadra visto che gli ultimi 3 nazionali sono tornati in tempo per sostenere la prima seduta in vista della sfida contro il Napoli. C’è Vieira squalificato: in mediana si candidano Linetty, Ekdal e Jankto con quest’ultimo in ballottaggio anche in virtù di un possibile passaggio al 3-4-3 con i due esterni bassi a centrocampo. Unico assente Maroni. Là davanti non è totalmente esclusa l’ipotesi di vedere Rigoni subito nell’XI titolare.

Sampdoria (3-4-3) probabile formazione: Audero; Ferrari, Murillo, Colley; Bereszynski, Linetty, Ekdal, Murru; Rigoni, Quagliarella, Caprari

INTER-UDINESE, sabato ore 20:45
Inter, Conte prova il 3-4-3
Antonio Conte potrebbe cambiare non poco in vista della sfida interna contro l’Udinese. Di uomini a disposizione ne ha eccome, in più c’è sempre da tenere d’occhio la situazione fisica all’indomani degli impegni (e dei viaggi di ritorno) con le Nazionali. C’è anche la Champions e quindi non è detto che la formazione titolare sia quella ‘attesa’. In allenamento provato infatti un 3-4-3 con Politano, Lukaku e Sanchez. Il cileno, come Godin e Barella potrebbe essere inserito nell’XI titolare ma in caso di sistema con 4 centrocampisti, favorito Gagliardini

Inter (3-5-2) probabile formazione: Handanovic; Godin, de Vrij, Skriniar; Candreva, Barella, Brozovic, Sensi, Asamoah; Sanchez, Lukaku

Udinese, Ter Avest unico assente
Dopo aver sconfitto il Milan alla prima giornata, l’Udinese spera di concedersi il bis con l’altra milanese del nostro campionato. Rebus in attacco per Tudor con De Paul affaticato ma tecnicamente arruolabile. Lasagna, Pussetto, Nestorovski e anche Okaka sono tutti in lizza per essere i prescelti nel 3-5-2 bianconero. Difesa e centrocampo senza grosse novità rispetto a due settimane fa.

Udinese (3-5-2) probabile formazione: Musso, Becao, Troost-Ekong, Samir, Larsen, Fofana, Jajalo, Mandragora, Sema, De Paul, Lasagna.

GENOA-ATALANTA, domenica ore 12:30
Genoa, riecco Saponara
Tante conferme per l’XI rossoblù. Andreazzoli può tornare a contare su Saponara che però potrebbe non avere i 90’ nelle gambe e che quindi è candidato per essere un’arma da giocarsi a gara in corso. Sulla sinistra può scoccare l’ora di Pajac ma è ballottaggio aperto con Barreca.

Genoa (3-5-2) probabile formazione: Radu; Romero, Zapata, Criscito; Ghiglione, Lerager, Schöne, Radovanovic, Pajac; Pinamonti, Kouamé

Atalanta, dubbi sulle fasce e duo colombiano da monitorare
Gasperini deve decidere in ogni reparto. In difesa Djimsiti e Kjaer non sono totalmente fuorigioco dato che Toloi non è al 100%. Davanti Muriel e Zapata sono reduci dal lungo viaggio con la Nazionale ma Duvan non dovrebbe essere in dubbio. Sulle corsie occhio ad Arana. Gosens è in dubbio mentre Castagne sta recuperando.

Atalanta (3-4-1-2) probabile formazione: Gollini; Palomino, Djimsiti, Masiello; Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens; Gomez; Ilicic, Zapata

BRESCIA-BOLOGNA, domenica ore 15
Brescia, problemi in difesa per Corini
Cistana, Chancellor e Magnani rischiano grosso in vista della prima sfida casalinga del Brescia. Contro il Bologna, Corini ha sicuramente a disposizione Gastaldello e Magraviti, per gli altri c’è da monitorare. Cistana non è al meglio, Chancellor rientra in Italia venerdì mentre Magnani non ha ancora recuperato dall’infortunio e quindi è da considerarsi out al 100%. Dal centrocampo in su c’è da registrare l’assenza di Torregrossa per infortunio con Ayé favorito sul resto della concorrenza (Matri compreso). Sulle corsie esterne c’è anche Martella che deve smaltire un problema muscolare. Insomma, dietro potrebbe essere emergenza pura.

Brescia (4-3-1-2) probabile formazione: Joronen; Sabelli, Gastaldello, Cistana, Martella; Bisoli, Tonali, Dessena; Spalek; Ayé, Donnarumma

Bologna, Danilo out. Arretra Medel?
I rossoblù dovranno rinunciare a Danilo in difesa ed è questo l’unico vero dubbio in vista della sfida contro il Brescia. Mihajlovic pensa o a Bani o all’arretramento di Medel. In attacco Destro, Santander e Palacio si giocano una maglia con ‘Don Rodrigo’ favorito.

Bologna (4-2-3-1) probabile formazione: Skorupski; Tomiyasu, Bani, Denswil, Dijks; Poli, Medel; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio.

PARMA-CAGLIARI, domenica ore 15
Parma, pronto all’esordio Darmian
In casa Parma c’è da monitorare le condizioni di Scozzarella e soprattutto di Grassi con quest’ultimo che è spesso in ballottaggio a centrocampo per una maglia da titolare. C’è anche molto interesse sul possibile esordio dall’inizio di Darmian che potrebbe davvero partire dal primo minuto. In avanti Karamoh prova a scalzare Kulusevski.

Parma (4-3-3) probabile formazione: Sepe; Darmian, Bruno Alves, Iacoponi, Gagliolo; Hernani, Kucka, Barillà; Karamoh, Inglese, Gervinho

Cagliari, problema muscolare per Nainggolan. A rischio per Parma
Brutte notizie in casa Cagliari. Radja Nainggolan è alle prese con un problema al polpaccio. Le sue condizioni sono da valutare ma la sua convocazione è da considerarsi a rischio. Non c’è troppo ottimismo, per ora, nello staff medico rossoblù. Pochi dubbi sul vice Pavoletti che sarà Simeone. Con lui, a completare il reparto d’attacco, pronto Joao Pedro. Castro favorito su Birsa.

Cagliari (4-3-1-2) probabile formazione: Olsen; Cacciatore, Ceppitelli, Klavan, Pellegrini; Rog, Cigarini, Nandez; Castro; Joao Pedro, Simeone

SPAL-LAZIO, domenica ore 15
Spal, problemi per Berisha
Con l’arrivo di Jankovic, la Spal torna al completo con Semplici che può quindi lavorare con tutti i propri effettivi. Sulla sinistra si candida anche Reca, arrivato nell’ultima parte del mercato estivo ma l’opzione Igor resta d’attualità. In porta preoccupa Berisha alle prese con un affaticamento muscolare

Spal (3-5-2) probabile formazione: Thiam; Cionek, Vicari, Felipe; D’Alessandro, Murgia, Missiroli, Kurtic, Igor; Di Francesco, Petagna.

Lazio, Vavro si candida. Caicedo per Correa?
In casa biancoceleste Luiz Felipe si è sottoposto ad esami di controllo. Difficile che possa strappare una maglia da titolare. Ecco quindi che Vavro può sperare di esordire dal primo minuto anche se deve battere la concorrenza di Bastos. In mediana si va verso la conferma del solito quintetto mentre Correa è a rischio ma solo perché è rientrato tardi dagli impegni della sua Nazionale. Nel caso pronto Caicedo ad affiancare Immobile

Lazio (3-5-2) probabile formazione: Strakosha; Vavro, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto, Lulic; Correa, Immobile.

ROMA-SASSUOLO, domenica ore 18
Roma, Under ko: c’è Zaniolo a destra
Cengiz Under salterà almeno 5 settimane. Questo l’esito degli esami ai quali si è sottoposto il turco. Per Fonseca quindi c’è da capire come sostituirlo. L’ipotesi più accreditata è l’avanzamento di Pellegrini con Veretout al fianco di Cristante ma non è di certo l’unica. Con l’arrivo di Mkhitaryan ci sono altre opzioni con Kluivert che però al momento pare in svantaggio sul resto del gruppo. Il punto sull’infermeria prosegue con Zappacosta e Perotti che hanno svolto lavoro individuale mentre Spinazzola è regolarmente in gruppo. Pronto all’esordio Smalling

Roma (4-2-3-1) probabile formazione: Pau Lopez; Florenzi, Fazio, Smalling, Kolarov; Cristante, Veretout; Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko

Sassuolo, Locatelli sale. Defrel no
L’ultimo arrivato in casa Sassuolo è stato Defrel. Per lui si tratta di un ritorno in neroverde ma De Zerbi potrebbe puntare ancora sul trio Boga-Caputo-Berardi. In mezzo anche Locatelli scalpita ed è prossimo il sorpasso nelle preferenze rispetto a Traoré. Dietro Muldur potrebbe essere confermato al posto di Toljan. Rogerio indisponibile. Attenzione all’ipotesi del 4-3-1-2 con Traoeré sulla trequarti e il sacrificio di Boga

Sassuolo (4-3-3) probabile formazione: Consigli; Muldur, Marlon, Ferrari, Peluso; Duncan, Obiang, Locatelli; Berardi, Caputo, Boga

VERONA-MILAN, domenica ore 20:45
Verona, Stepinski subito titolare?
Con Pazzini e Di Carmine non ancora pienamente recuperati, Juric sta pensando di gettare subito nella mischia Stepinski. L’attaccante polacco, pur cambiando squadra, non ha però cambiato città. Di Carmine è tornato in gruppo ma come detto non è al 100% mentre Pazzini ha svolto una seduta individuale. Difficile pensare che Stepinski possa partire dalla panchina.

Verona (3-4-2-1) probabile formazione: Silvestri; Rrhamani, Kumbulla, Gunter; Faraoni, Veloso, Amrabat, Lazovic; Verre, Zaccagni; Stepinski

Milan, Rebic torna a Verona ma si allena a parte
L’ultimo arrivato in casa Milan non si è ancora allenato con il resto dei compagni. Ante Rebic a Milanello ha infatti svolto una seduta personalizzata ma solo in quanto reduce da due gare con la propria nazionale. L’ex Eintracht scalpita anche perché ‘rischia’ di esordire contro quel Verona nel quale aveva militato prima di trasferirsi in Germania. Favorita però la coppia Suso-Paquetà dietro a Piatek.

Milan (4-3-2-1) probabile formazione: Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bennacer, Calhanoglu; Suso, Paquetà; Piatek

TORINO-LECCE, lunedì ore 20:45
Torino, nuova coppia d’attacco in casa granata
Era un pallino del Presidente Cairo e alla fine (ma proprio alla fine) Simone Verdi è sbarcato al Torino. Sarà con tutta probabilità lui ad affiancare Belotti in attacco. Iago Falque è recuperato ma non ha i 90 minuti nelle gambe. Zaza potrebbe tornare tra i convocati ma sarebbe una sorpresa leggere il suo nome nell’XI titolare. In mezzo Lukic spera di tornare titolare mentre in difesa ancora nessuna novità su Nkoulou che va verso l’esclusione

Torino (3-5-2) probabile formazione: Sirigu; Izzo, Djidji, Bonifazi; De Silvestri, Baselli, Rincon, Lukic, Ola Aina; Verdi, Belotti.

Lecce, differenziato per 5
Liverani sta preparando la non semplicissima sfida in casa del Torino capolista. Tra i vari rientri in gruppo c’è stato anche quello di Majer mentre Lo Faso, Dell’Orco, Fiamozzi, Meccariello e uno degli ultimi arrivati Imbula, hanno svolto lavoro differenziato. Sulle loro condizioni ne sapremo di più venerdì dato che la ripresa degli allenamenti, dopo un giorno di riposo, è prevista proprio in quella data.

Lecce (4-3-1-2) probabile formazione: Gabriel; Benzar, Rossettini, Lucioni, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis, Shakhov; Mancosu; Farias, Lapadula.