Italia: le combinazioni per chiudere il discorso qualificazione Euro 2020

40

La selezione di Mancini è vicinissima a staccare il pass per la rassegna continentale. L’aritmetica certezza per l’Italia potrebbe arrivare già sabato contro la Grecia

L’obiettivo è ormai ad un passo. Certo vista la qualità degli avversari presenti nel girone era quasi scontato, ma dopo la mancata qualificazione al mondiale del 2018, è meglio andarci cauti.

Finora l’Italia di Roberto Mancini ha avuto un cammino lineare con 6 vittorie in altrettante partite. Sabato 12 ottobre allo stadio Olimpico di Roma arriva la Grecia, praticamente già fuori dai giochi. Un occasione irripetibile per mettere al sicuro la qulificazione, che potrebbe addirittura essere aritmetica.

Italia qualificata se…

Nel caso in cui Immobile e compagni dovessero avere la meglio sugli ellenici e la Finlandia perdesse in casa contro la Bosnia, ci sarebbe la certezza della partecipazione ad Euro 2020.

Gli azzurri a quel punto avrebbero nove punti di vantaggio e a tre giornate dalla fine sarebbero inattaccabili da parte degli scandinavi. Anche in caso di arrivo a pari punti si correrebbero rischi visto che la selezione di Mancini potrebbe vantare il vantaggio negli scontri diretti (vinti entrambi).

Visto che a qualificarsi sono le prime due, bisogna dare un occhio anche alla terza, ovvero l’Armenia. La formazione del romanista Mkhitaryan, qualora l’Italia dovesse fare il suo dovere, sarebbe obbligata a battere il Liechtenstein per continuare a sperare di poterla raggiungere.

L’altra ipotesi rimanente, seppur remota, è giusto menzionarla. La nazionale del Bel Paese potrebbe qualificarsi con un pareggio contro la Grecia e la contemporanea sconfitta dell’Armenia. Combinazione difficile, soprattutto alla luce del fatto che il Liechtenstein ha guadagnato appena un punto.

Se non dovesse verificarsi nessuna delle ipotesi sopracitate, ci sarà un altro match point mercoledì 15 ottobre in casa del fanalino di coda, che appunto, finora non ha mai vinto nessuna partita.

Dunque, a meno di clamorosi imprevisti manca davvero poco per festeggiare il ritorno in una fase finale di una grande competizione. L’Italia e gli italiani hanno voglia di rivalsa e hanno l’ambizione di arrivare fino a Wembley il prossimo 12 luglio.