Maldini: “La Champions con il Milan per me è stato il massimo”

Il direttore tecnico del Milan è tornato a parlare in vista della trasferta delicata di domani contro il Liverpool di Klopp.

16
Calciomercato Milan

Il direttore tecnico del Milan è tornato a parlare in vista della trasferta delicata di domani contro il Liverpool di Klopp.

L’ex capitano milanista tra presente passato e futuro. Il Milan domani sera farà il suo esordio nella prima gara della Champions League, subito una trasferta insidiosa quella all’Anfield contro il Liverpool.

Pioli domani sera non potrà contare su Bakayoko e Ibrahimovic, che salterà la sfida per un problema al tendine d’achille sinistro. Problemi anche per Tonali che però stringerà i denti. Maldini è tornato a parlare dei tempi passati contro il Liverpool.

L’ex capitano rossonero: “La Champions League dà emozioni forti”

Maldini ha parlato della sua esperienza in Champions con la maglia del Milan ai microfoni di MilanTV:“La Champions League per me è forse il momento massimo più alto della mia esperienza con il Milan, quella che una volta era la Coppa Campioni e quella che ha alzato mio papà nel ’63 per la prima volta per una squadra italina. E’ anche un concentrato di emozioni fortissime; alla prima partita, quello che non potevi sbagliare, era proprio quella partita. Un errore e potevi essere eliminato. Momenti più intensi in assoluto sono stati i sei giorni dei due derby in semifinale del 2003, in finale con la Juventus e anche l’ultima contro il Liverpool”.

Su Berlusconi: “Una volta arrivato Berlusconi, la sua idea era quella che il Milan potesse giocare fuori casa come se giocasse in casa. Campo brutto, pioggia, neve…fa niente, noi andiamo e facciamo la nostra partita. Questo ci ha fatto arrivare ad un livello così alto che quando arrivavamo ad una finale, noi non sentivamo questa pressione”.

Sulla vittoria della Champions: “Sono situazioni fantastiche, ma il fatto di alzarla da capitano è il raggiungimento di un obiettivo, che rimane comune dato che parliamo di uno sport di squadra. La grande forza di questo club è che ha incluso più di 100 persone: non sono solamente le persone che lavorano sul campo, ma anche chi ci ha accompagnato in questo percorso incredibile”.

Sulla vittoria in finale contro la Juventus: “Quando abbiamo vinto la Champions nel 2003 erano nove anni che non arrivavamo in finale e sono comunque momenti di formazione. Ho preso tutto come un grande insegnamento”.

Sui tifosi: “Uno dei miei ricordi più belli sono proprio legati all’emozione che trasmette la gente, e quando mi chiedono la cosa che mi manca di più, oltre alla quotidianità degli allenamenti e del vivere lo spogliatoio, è proprio quell’adrenalina che senti arrivando allo stadio. Quando abbiamo giocato a Barcellona la nostra prima finale contro lo Steaua, quella marea di tifosi rossoneri rimarrà indelebile dentro quelli che l’hanno vissuta. Come anche arrivare allo stadio di Manchester e vedere i nostri tifosi. Le vibrazioni che ti da il pubblico sono tantissime”.