Verona-Atalanta 0-2, Gasperini: “Mandiamo un segnale a tutti”

L'Atalanta non molla. A Verona vince 2-0 con gol di Malinovsky e Zapata. Quarto posto in classifica conquistato.

104
Atalanta Udinese, risultato, tabellino e highlights

Verona-Atalanta 0-2

L’Atalanta vince al Marc’Antonio Bentegoti e conquista tre punti importanti. La Dea lancia un segnale alle dirette avversarie per la lotta ai primi posti della classifica. Archiviata la Champions League, dopo l’eliminazione contro il Real Madrid, la concentrazione è tutta per il campionato. I gol del 2-0 vengono segnati entrambi nella prima frazione di gioco, al 33′ Malinovsky su rigore, Zapata al 42′ segna il 2-0.

Verona-Atalanta, Gasperini: “Mandiamo un segnale a tutti”

A fine gara parla Gian Piero Gasperini: “È stata indubbiamente una bella prova, contro un’ottima squadra che aveva messo in difficoltà tanti in questo campionato.  Tecnicamente forse non è stata una grande prova, ma siamo riusciti a disinnescarli bene e sono molto contento. Rimaniamo nelle zone alte della classifica e mandiamo un segnale a tutti”. Oggi il tecnico si è affidato alla difesa a 4, le impressioni a fine match: “L’abbiamo fatto spesso a gara in corso, non è una novità per noi, ma ci siamo trovati subito bene. Abbiamo dei buoni riferimenti ed è il modo giusto per inserire giocatori come Miranchuk e Malinovskyi, sono soddisfatto delle loro prestazioni. Inoltre abbiamo giocatori come Pasalic e Kovalenko, servirà l’aiuto di tutti in questo rush finale”. Infine, sull’uscita dalla Champions League, afferma: “È un discorso lungo, ma dobbiamo prendere atto che contro le squadre europee facciamo fatica. Noi sbandieriamo sempre la nostra tattica, ma a livello fisico e atletico spesso siamo indietro. La tattica non è qualcosa di negativo, anzi è quella che ci tiene ancora in piedi e spesso siamo imitati per questo. Però dobbiamo crescere in tutti gli altri aspetti e forse anche nei criteri di valutazione dei giocatori. Ad esempio nel nostro calcio si fatica a trovare esterni di velocità, che attaccano e tornano, giocatori di grande atletismo. Il Real giocava con il solo Benzema davanti e sfruttando tanto la corsa degli esterni. Nel nostro campionato ce ne sono pochi”.